UniCredit prevede di uscire dalla Russia mentre i mercati cercano di ripagare il debito sovrano

Un elenco crescente di società finanziarie sta cercando di ritirarsi dalla Russia, poiché Deutsche Bank, Goldman Sachs e JPMorgan Chase hanno ridimensionato le loro operazioni lì.

Andrea Orsel, amministratore delegato di Unicredit, ha affermato che il contesto economico è cambiato a causa della crisi ucraina e che la banca ora presume che ci sarà una stagflazione, o una combinazione di bassa crescita e rallentamento, che porterà a un aumento dell’inflazione.

La scorsa settimana, la seconda banca italiana ha dichiarato che una svalutazione completa delle sue attività russe, inclusa l’esposizione transfrontaliera, costerebbe circa 7,4 miliardi di euro (8,1 miliardi di dollari), lasciando in sospeso i piani per distribuire capitale agli azionisti.

UniCredit è una delle banche europee con la maggiore esposizione alla Russia.

Le sue azioni sono scese del 3,2% e l’indice bancario europeo è sceso dell’1,8%.

La Russia ha rimborsato mercoledì 117 milioni di dollari in eurobond in dollari. Il suo ministro delle finanze ha detto che avrebbe pagato le somme in rubli se le sanzioni le avessero impedito di pagare in dollari, una mossa che i mercati vedono come un default.

Un default non farà che aggiungere dolore all’economia e al sistema finanziario russi, ha affermato lunedì alla fine di un funzionario del Tesoro degli Stati Uniti, rendendo difficile per Mosca trovare nuove fonti di prestito e aumentare i costi di finanziamento futuri.

Il funzionario ha detto a Reuters che il Tesoro ritiene che l’esposizione diretta del sistema finanziario statunitense ai titoli sovrani russi sia limitata e che l’impatto principale si farà sentire sull’economia russa, che sta già crollando sotto il peso delle sanzioni occidentali.

READ  Internamento durante la seconda guerra mondiale Justin Trudeau si scusa con gli italocanadesi

La Russia è sottoposta a severe sanzioni e ha adottato contromisure sulla scia dell’invasione dell’Ucraina, che descrive come una “operazione speciale”.

Un segno di pressione, la Banca centrale russa ha dichiarato che sospenderà gli acquisti di oro dalle banche da martedì per soddisfare la crescente domanda delle famiglie per il metallo prezioso.

L’Ucraina spera di aprire nove corridoi martedì per evacuare i civili assediati dalle forze russe e cercherà di fornire rifornimenti umanitari al porto assediato di Mariupol, ha affermato il vice primo ministro ucraino Irina Vereshuk.

I governi occidentali continuano ad aumentare la pressione.

La Commissione europea ha affermato, martedì, che l’Unione europea ha impedito alle principali società di rating del credito di valutare il debito sovrano della Russia e delle società del paese come parte dell’ultimo pacchetto di sanzioni.

La Gran Bretagna ha dichiarato di aver smesso di finanziare le esportazioni sostenute dal governo in Russia e Bielorussia.

Gli assicuratori del credito commerciali privati ​​sono anche riluttanti a fornire copertura a Russia e Ucraina, secondo fonti del settore, rendendo più difficili le esportazioni verso questi paesi.

I Lloyd’s di London Commercial Insurance hanno dichiarato che stanno cercando di applicare sanzioni alla Russia attraverso i suoi mercati assicurativi per i rischi informatici, spaziali e politici.

(1 dollaro = 0,9088 euro)

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.