Un’audioguida per scoprire la storia delle cave di Moboy durante un’escursione

Come vivevano i lavoratori delle cave a Maboye, vicino a Geret, nel diciannovesimo e ventesimo secolo? Che aspetto aveva questo sito naturale, ora coperto di foreste, al culmine dell’estrazione del granito? È per far scoprire agli escursionisti che Station Sport Nature des Monts de Guéret pubblica un’audioguida sullo smartphone, accessibile a tutti. Un progetto è stato realizzato in collaborazione con l’associazione El Fogolar del Monpy, che riunisce i discendenti delle cave italiane venute a sfruttare il territorio dalla fine dell’ottocento agli anni sessanta.

Scopri la storia di Maupuy

Con pochi clic, gli escursionisti possono scaricare gratuitamente l’audioguida, tramite l’app Monts de Guéret o digitando Izi.Travel nel suo app store. Una volta lanciato, Funziona automaticamente grazie alla geolocalizzazione in 12 punti di questo percorso di 7 chilometri attorno all’antenna Maupuy. Ad ogni fermata, i pedoni scoprono foto d’archivio, testi esplicativi e talvolta testimonianze sonore raccolte da Jean Metigner di Le chat perplexe.

“Alcune di queste testimonianze sono molto commoventi, scopriamo la vita molto difficile di questi lavoratori. Raramente raggiungevano l’età pensionabile”Spiega Nicolas Lamarger, animatore di Sports Nature Station su iniziativa di questa audioguida. “Io stesso non conoscevo la storia di questo luogo, anche se sono il pronipote di un cavatore. Piano piano ne ho scoperto la ricchezza. Ho pensato tra me e me che sarebbe stato bello avere qui una specie di museo virtuale, per capire meglio questo luogo”.

Molto tempo fa, il sito di Moboy era ricoperto di terre paludose. Alla fine del 19° secolo, le persone iniziarono a estrarre il granito lì. Dall’Italia arrivano molte portaerei, in fuga dal regime fascista. Il lavoro è duro e la domanda è alta. “Abbiamo estratto pietre per costruire scuole, per quella che è diventata l’obbligo scolastico, e strade, e poi per ricostruire città distrutte dalla guerra”, Dettagli di Nicolas Lamarge. Così il municipio di Guéret fu costruito in parte in granito di Maupuy.

READ  Il Napoli vuole un tecnico italiano, quindi non Galtaire

Per residenti e turisti di Creuse

Per tutto questo tempo, il sito è completamente diverso da oggi. La funivia fornisce l’accesso, la caserma ospita alcuni lavoratori e le cave sono in pieno svolgimento. Di questo passato ci sono ancora lacune, colme d’acqua, qualche blocco di pietra, vecchie ferrovie trasformate in sentieri per escursioni, sono ancora vivi i ricordi delle ultime cave. Promuovere questa storia è importante per la gente di Creo e per i turisti, Afferma Jean-Luc Barbier, vicepresidente di Grand Guéret responsabile del turismo e degli sport naturali.

“Le persone vengono a Cross per trovare natura e aria fresca, ma hanno anche bisogno di poter scoprire la storia della zona.” L’applicazione è già attiva. Presto saranno disponibili altre due audioguide su altri percorsi a Monts de Guéret.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.