Una notevole scultura neolitica è stata scoperta in Turchia

Il periodo neolitico è uno dei periodi preistorici più importanti del Vicino Oriente. è un intervallo durante il quale l’umanità è passata da un’esistenza immigrata a una vita più stabile. L’impulso per questo cambiamento è stato lo sviluppo di Agricoltura e zootecnia. Questo periodo è caratterizzato anche dall’emergere di nuove tecnologie (strumenti in pietra levigata, ceramica, tessitura, ecc.). ” Il processo di decadimento moderno ha portato cambiamenti fondamentali nel ciclo quotidiano della vita, nelle strategie di sussistenza e nella tecnologia. Ma forse soprattutto nelle relazioni sociali, portando a una ridefinizione del posto dell’umanità nel mondo L’archeologo Elim Ozdogan conferma, in revisione Antichità. Questi cambiamenti includono lo sviluppo di rituali comuni e la costruzione di edifici comuni e l’esposizione di elementi simbolici.

Due distinte postazioni neolitiche

Nel Vicino Oriente, questo sviluppo si riflette in alcune caratteristiche architettoniche (come le colonne). Ci sono anche rappresentazioni di uomini e animali, nuove usanze funerarie, ecc. I siti di Göbeklitepe e Karahantepe nella regione di Şanlıurfa, nel sud-est della Turchia, ospitano molte di queste reliquie e molti simboli legati al mondo animale. Lo stesso vale per un sito di cyborg a 60 chilometri a est del fiume Eufrate, dove sono iniziati gli scavi l’anno scorso.

La costruzione del Cyborg Village nel 1949 coprì in gran parte questo sito, da cui prende il nome. Scavi rivelati Due distinte occupazioni neolitiche pre-ceramiche Dice Elim Ozdogan: Il primo, che comprende edifici comunali, si trova nella parte settentrionale del villaggio, al margine sud-orientale di un piccolo insediamento rumeno, mentre il secondo, costituito da edifici residenziali, si trova a 70 metri a sud.

Il sedile qui scolpito corrisponde alla struttura circolare. Su questi resti sono state costruite due abitazioni moderne, una in pietra e una in cemento. Ad oggi, solo la metà dell’edificio è stata perquisita. Si prevede di demolire le case durante i prossimi scavi per rivelare completamente la struttura neolitica. Crediti: Progetto Sayburç

Leggi anche: Scultura: l’opera cinese più antica risale a 13.000 anni fa

L’edificio collegiale contenente il rilievo è stato scoperto nella parte settentrionale. Misura 11 metri di diametro, è scolpito nel calcare ed è costituito da muri di pietra che poggiano su una panca sollevata da terra. Quest’ultimo è alto tra i 60 e gli 80 cm e largo 60 cm. Una serie di nicchie larghe una quarantina di centimetri lungo la parete indicano che essa era originariamente divisa da colonne. Le immagini incise sulla faccia interna del banco (vedi sotto), insieme alle dimensioni e alle caratteristiche strutturali dell’edificio, suggeriscono che doveva essere un luogo di ritrovo per occasioni speciali.

READ  Scienza o nostri valori europei?

Umani e animali appaiono fianco a fianco

La scena raffigura uomini e animali. Cinque figure sono scolpite una accanto all’altra su un muro lungo quasi quattro metri. Oltre alla figura maschile che è modellata in altorilievo, altre figure sono scolpite in altorilievo. ” L’orientamento e la posizione dei personaggi suggerisce che ci sono due scene correlate », precisa l’autore dell’articolo che descrive la scoperta.

Neolitico, Archeologia, Turchia

Sulla parete sono due scene distinte: a sinistra un toro e un uomo; A destra, un uomo in altorilievo circondato da tigri. Crediti: B. Köşker

Leggi anche: In Danimarca sono state trovate prove neolitiche di sacrifici umani

Tutte le figure si fronteggiano, tranne l’uomo in altorilievo, che è rivolto verso il centro della stanza. Tiene il suo cazzo nella mano destra. La sua testa è danneggiata, ma puoi vedere chiaramente la sua faccia rotonda, le grandi orecchie, gli occhi prominenti e le labbra carnose. Indossa anche una collana (o girocollo) a forma di triangolo. Questa figura è scolpita al centro di due tigri, rappresentate di profilo. Le loro bocche, rivolte verso l’uomo, sono aperte e i loro denti visibili, suggerendo che stanno per divorarlo. Distinguiamo anche le loro lunghe code.

La seconda scena raffigura un essere umano – forse un maschio – e un toro uno di fronte all’altro. L’uomo, raffigurato leggermente seduto, porta sul ventre un prolungamento a forma di fallo. Volta le spalle alla scena precedente. Ozdogan dice che la sua mano sinistra, aperta e sollevata, ha sei dita, mentre la destra tiene un serpente o un sonaglio.

La rappresentazione più dettagliata della storia neolitica

Questa statua si abbina bene allo stile e ai temi neolitici. La natura delle rappresentazioni, così come la prospettiva utilizzata, sono paragonabili a quelle osservate in altri siti. Particolare enfasi è posta sugli aspetti aggressivi e predatori del mondo animale. L’autore ha spiegato che quest’ultimo è rappresentato da caratteristiche considerate pericolose, come denti e corna. In termini di tecnica e artigianato, le figure piatte scolpite sono paragonabili ad altre immagini neolitiche della regione.

Leggi anche: Le più antiche incisioni di animali risalgono al Neolitico!

La relazione uomo-animale è già stata notata in altri siti. A Göbeklitepe, ad esempio, uomini e animali sono incisi uno sopra l’altro, verticalmente, su pilastri a forma di T. A Karahantepe, figure umane sono rappresentate con animali sulla schiena. Mentre in Sayburç, questa relazione è rappresentata in una direzione orizzontale, che crea un effetto diverso. Rappresentiamo uomini e animali sullo stesso piano.

READ  A Trieste Coffee Science

Ma questo rilievo si distingue soprattutto dagli altri per il fatto che le figure formano una narrazione. Le due scene sembrano essere collegate tra loro. E lo specialista aggiunge che i personaggi che abbiamo presentato erano senza dubbio “degni di descrizione”. Quindi questo ritrovamento costituisce la rappresentazione più dettagliata della “storia” neolitica mai trovata nel Vicino Oriente. Può essere visto come un “riflesso di una memoria collettiva”. È il desiderio di preservare i valori della società in un mondo che cambia.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.