Un restyling del governo per continuare il percorso! – Guinea News ©

Il capo della transizione ha appena fatto un restyling del governo, che ha portato a un cambio di primo ministro, e in questa squadra sono entrati due nuovi personaggi, con gli anziani che hanno sempre meno diritto alla cittadinanza. Questo semplice emendamento, il primo nel suo genere dalla formazione del governo di transizione nell’ottobre 2021, pone fine alle speculazioni sull’assenza di Mohamed Biavoji, che risiede a Roma in Italia. Il suo destino è condannato una volta per tutte, grazie al ritocco della squadra del governo.

Si completa così la separazione dei coniugi dirigenti, con la partenza di Mehmet Biavogui, che dovrà solo prolungare la sua permanenza nella Città Eterna. Dove godersi giorni felici, lontano dal caos che ancora si sta formando nel nostro Paese. Perché, è vero, prima di recarsi nella capitale italiana, sembrava che il premier uscente si trovasse in un territorio inesplorato. Un bersaglio aperto per i falchi del regime, pronti a tutto pur di creare un vuoto attorno al colonnello.

A meno che Béavogui non avesse una puntura al cuore, lasciò la nave in fretta, prima di arrivare sano e salvo. Nel frattempo si compiace che il nuovo Primo Ministro Bernard Gaumet sia stato messo su un piedistallo. Così, diventa il califfo invece del califfo.

Chi avrebbe creduto a uno scenario del genere prima che Mohamed Piafoghi partisse per la visita medica a Roma? Come a dire che le vie del Signore, come le vie del colonnello Domboya, non possono essere comprese.

Scommettendo ora su Bernard Jomo, un quartetto, a gestire gli affari dell’esecutivo dalla sua parte, il colonnello Mamadi Dumboya, avendo mostrato se necessario la sua predilezione per la giovinezza, intende senza dubbio controllare l’apparato statale, nel compiere la transizione. Escludendo ogni possibilità di apertura, almeno in un prossimo futuro, ai politici, che sono ancora sui carboni ardenti.

READ  In Europa, i belgi sono quelli che pensano di più a ottenere una giusta quota di tasse

L’altro funzionario del governo decaduto dall’incarico non è altro che il leader della NGR, Abi Sylla, il cui Ministero dell’Energia, dell’Idraulica e degli Idrocarburi ha sede. Alì Saadouba Soma la cornice le tasse.

L’arrivo di un ufficiale dell’esercito è anche il momento clou di questo piccolo rimpasto. Con come base l’Assessorato all’Urbanistica, all’Abitare e al Territorio. Prende il posto del colonnello Ibrahima Suri Bangura Othman Gawal Diallo, che a sua volta è passato al Ministero delle Poste, delle Comunicazioni e dell’Economia Digitale.

È come se il presidente di transizione volesse, attraverso questo cambiamento, frenare l’appetito ardente di alcune forze politiche. Chi sogna solo un governo aperto. Come a dire che la strada è lunga dalla ferita alle labbra.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.