Un ex ostaggio a Gaza “ci dice certe cose” ma manterrà i suoi segreti

Un ex ostaggio a Gaza “ci dice certe cose” ma manterrà i suoi segreti

“Era così emozionante che non potevamo parlarci”, ha detto Mikhail Kozlov, raccontando il suo ricongiungimento con suo figlio Andrei, rilasciato dall’esercito israeliano dopo otto mesi di prigionia a Gaza per mano di Hamas.

• Leggi anche: Gaza: Israele annuncia il rilascio di quattro ostaggi e Hamas annuncia l’uccisione di 210 persone

• Leggi anche: Chi sono i 120 ostaggi, vivi o morti, ancora detenuti a Gaza?

• Leggi anche: L’esercito israeliano annuncia l’uccisione di quattro ostaggi a Gaza

L’incontro mostra il giovane fotografo israelo-russo che cade letteralmente ai piedi di sua madre e scoppia in lacrime, e sua madre lo abbraccia. Queste foto si sono diffuse sui social network e sui canali televisivi in ​​Israele.

Sua madre, Evgenia Kozlov, ha aggiunto, ricordando che prima di sapere del suo rilascio, “non avevano mai perso la speranza” di rivederlo.

Afferma di aver paura che “Andre non sarebbe mai più stato se stesso”.

“Ma è stata una tempesta di energia, un’onda d’urto emotiva che proveniva da lui”, dice la signora Kozlov.

Andrei Kozlov (27 anni) è stato rilasciato il 7 giugno durante un’operazione dell’IDF a Nuseirat, nel centro della Striscia di Gaza, così come Noa Argamani (26 anni), Almog Meir Jan (22 anni) e Shlomi Ziv (41 anni). ). Hamas aveva rapito i quattro il 7 ottobre durante il Nova Electro Music Festival, nel corso del sanguinoso attacco sferrato dal Movimento islamico palestinese in Israele.

Il loro rilascio è stato accolto con giubilo in Israele.

I genitori di Andrei Kozlov, Mikhail ed Evgenia, entrambi russi di 52 anni, vivono a San Pietroburgo (Russia nordoccidentale) e sono saliti sull’aereo per ritrovare il figlio, dopo otto mesi di lunga attesa, il giorno dopo il suo rilascio.

READ  Regno Unito | Il telefono di Liz Truss sarebbe stato violato da spie russe

In un’intervista in lingua russa condotta dall’Agence France-Presse, hanno raccontato quello che sapevano sulla sua prigionia.

“Ci dice certe cose. Papà dice che ce ne sono altre che non ci dirà mai.

“Privato di ogni scelta”

“Un giorno, uno dei suoi rapitori gli ha mostrato che lo avrebbe filmato e ucciso davanti alla telecamera per mostrarlo al mondo intero. “Il signor Kozlov ha detto che non sarebbe successo adesso, sarebbe successo domani e se n’è andato (…), e deve averci pensato tutto il giorno”, dice il signor Kozlov.

“Ha avuto le mani e i piedi legati per due mesi, e all’inizio le sue mani erano legate dietro la schiena”, secondo suo padre il figlio ha descritto loro in parte la sua prigionia.

Interrogato sulle sue condizioni cinque giorni dopo il suo ritorno in Israele, dove si era stabilito un anno e mezzo prima dell’attacco di Hamas, il padre ha detto che “trova difficile prendere una decisione, ed è ancora più facile perché è stato privato Quello.” “Opportunità per molto tempo.”

Il padre aggiunge: “Non sa cosa dire quando gli diamo la scelta tra riso e pasta. È stato privato di ogni scelta per otto mesi”.

Dopo il suo rilascio, il giovane ha scoperto che altri 116 ostaggi del 7 ottobre erano ancora trattenuti a Gaza (tra le 251 persone rapite quel giorno in Israele), e l’esercito israeliano ha annunciato che 41 di loro erano stati uccisi.

“Lui è uno di quelli che possono immaginare le condizioni vissute dagli altri ostaggi”, spiega Kozlov.

Come le famiglie degli altri ostaggi liberati, la famiglia Kozlov vuole partecipare alla difesa della causa dei prigionieri detenuti da Hamas.

READ  Una festa totalmente sbagliata alla Laval High School

“Noi e tutta la nostra famiglia siamo molto preoccupati per queste persone e invitiamo i governi a raggiungere rapidamente un accordo e ad aiutare queste persone a tornare alle loro famiglie”, afferma Kozlov.

Dalla tregua di una settimana alla fine di novembre, le speranze per un cessate il fuoco, anche temporaneo, sono costantemente diminuite.

L’attacco a sorpresa lanciato il 7 ottobre dai commando di Hamas nel sud di Israele dalla Striscia di Gaza ha provocato la morte di 1.194 persone da parte israeliana, la maggior parte civili, secondo un censimento condotto dall’Agence France-Presse sulla base di dati ufficiali israeliani .

Secondo i dati del ministero della Sanità del governo di Hamas a Gaza, la campagna militare israeliana di ritorsione ha devastato la Striscia di Gaza e causato la morte di oltre 37.230 palestinesi, la maggior parte dei quali civili.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *