Ucraina: il G7 condanna l'”escalation” della Russia e promette nuove sanzioni

I ministri degli esteri del G7 hanno denunciato l'”escalation” del conflitto in Ucraina da parte di Mosca e hanno promesso di imporre “nuove sanzioni”, dopo l’annuncio di una parziale mobilitazione in Russia, in un comunicato stampa pubblicato nella notte tra mercoledì e giovedì.

I ministri hanno denunciato la “deliberata escalation russa, compresa la mobilitazione parziale dei riservisti e la retorica nucleare irresponsabile”, dopo un incontro a margine dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

  • Ascolta l’intervista a Michelle Roche, la specialista russa del live show quotidiano di Richard Martineau alle 10:20 via Radio QUB :

I ministri di Germania, Canada, Stati Uniti, Francia, Italia, Giappone e Regno Unito, nonché il capo della diplomazia dell’Unione Europea, Josep Borrell, hanno condannato anche i “referendum finti sul territorio sovrano dell’Ucraina”. annunciato dalle autorità filo-russe nella regione occupata del Donbass.

Hanno aggiunto che il voto “non può essere libero o equo” mentre sono presenti le forze russe.

Secondo la dichiarazione, il G7 dovrebbe “prendere nuove sanzioni mirate” e “continuerà la continua pressione economica e politica sulla Russia”. “Studieremo e adotteremo nuove misure restrittive, sia personali che settoriali”, ha affermato Borrell.

I ministri hanno anche riaffermato il loro impegno a “finire i preparativi” per un tetto ai prezzi del petrolio russo.

Alla fine hanno chiesto alla Russia di “restituire il controllo” all’Ucraina della centrale nucleare di Zaporizhia, che nelle ultime settimane è stata oggetto di esplosioni, di cui Mosca e Kiev si accusano a vicenda.

READ  Il "Club of Five" ad Atene

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.