Uccisione di George Floyd: Derek Chauvin vuole che la sentenza venga annullata

Il poliziotto bianco Derek Chauvin, che è stato riconosciuto colpevole dell’omicidio dell’afroamericano George Floyd, ha chiesto che la sentenza venisse annullata martedì, e ha accusato la giuria di essersi impegnata in “comportamenti inappropriati”.

Leggi anche: Il processo George Floyd: le foto della giuria gettano un’ombra sul verdetto

Leggi anche: Bill 21 non ha nulla a che fare con l’assassinio di George Floyd!

Leggi anche: Una giuria nel processo di Chauven descrive le estenuanti udienze

La sua richiesta è stata presentata dopo che le fotografie di uno dei dodici giurati sono apparse a una manifestazione contro il razzismo, sollevando dubbi sulla sua imparzialità, ma non ne ha fatto cenno.

Il suo avvocato, May Eric Nelson, ha richiesto “un’udienza per ribaltare il giudizio sulla base di comportamenti inappropriati da parte della giuria, minacce, intimidazioni e pressioni che lo hanno influenzato e / o la sua incapacità di seguire le istruzioni durante le deliberazioni”, secondo un documento inviato a giustizia.

Chiede anche un nuovo processo sulla base del fatto che il giudice si è rifiutato di interrompere il processo e di licenziare la giuria durante le udienze nella misura in cui, ha detto, sono stati colpiti dalla massiccia copertura mediatica del caso.

“No, no. No. Colpevole. Colpevole. L’avvocato della famiglia Floyd, Ben Crump, ha risposto su Twitter.”

Dopo tre settimane di discussioni e brevi riflessioni, Derek Chauvin è stato ritenuto colpevole di aver ucciso George Floyd il 20 aprile e immediatamente imprigionato. La sua condanna sarà ripristinata il 25 giugno.

Otto giorni dopo questa sentenza storica, un giurato, Brandon Mitchell, un uomo di colore di 31 anni, ha rilasciato più interviste, sperando di incoraggiare gli afroamericani a sedere nella giuria. “Come il voto, può aiutare a portare il cambiamento”, ha detto.

READ  Accuse relative al suo denaro | Donald Trump ha rapidamente preso il controllo della giustizia?

Da allora, una foto di lui che indossa una maglietta Black Lives Matter è apparsa sui social media con la frase “Alza le ginocchia dal collo”.

Il signor Mitchell ha spiegato alla stampa locale di essere stato fotografato con questo vestito a margine di una grande manifestazione contro il razzismo organizzata a fine agosto a Washington per commemorare lo storico discorso del leader dei diritti civili Martin Luther King, “Ho un sogno. “

Ma in un questionario inviato a una potenziale giuria prima del processo, ha affermato di non aver partecipato alle proteste contro le violenze della polizia seguite alla morte di George Floyd.

L’esperto di selezione della giuria Geoffrey Frederick ha detto all’AFP che le sue “risposte erano tecnicamente corrette” perché stava commemorando un anniversario. Ha aggiunto: “Ora spetta al giudice interrogarlo di nuovo per vedere se aveva dei preconcetti o se aveva mentito, e per determinare se la questione era abbastanza seria da influenzare l’esito del processo”.

Ha detto: “Ma l’ostacolo è troppo alto per annullare il processo, e questo accade raramente”.

Allo stesso modo, Steve Toller, un consulente per la selezione della giuria, afferma che è “improbabile che queste scoperte alterino il giudizio”. Tuttavia, ha detto: “Non c’è dubbio che la difesa lo utilizzerà per fare appello”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *