Trump ha pagato 1 milione di dollari di tasse mentre era in carica, ma niente nel 2020

Donald Trump ha pagato 1,1 milioni di dollari in tasse federali in due dei suoi quattro anni in carica, secondo un rapporto esaminato mercoledì dai legislatori, ma quasi nulla per il resto del suo tempo alla Casa Bianca.

• Leggi anche: Il comitato della Camera vota per pubblicare le dichiarazioni dei redditi di Trump

• Leggi anche: Contro Trump sono state proposte accuse penali

• Leggi anche: La decisione di Trump di bandire gli immigrati al confine con gli Stati Uniti, confermata dalla Corte Suprema

Il repubblicano ha pagato $ 750 nel 2017, $ 1 milione nel 2018 e nel 2019 e niente nel 2020, anno in cui le sue perdite sono aumentate e ha perso le elezioni presidenziali contro il democratico Joe Biden.

Le cifre, pubblicate martedì scorso in un rapporto della commissione parlamentare, mostrano che il 76enne miliardario ha registrato un enorme deficit dal 2015 al 2020.

Ma i suoi guadagni sono saliti alle stelle nel 2018 e nel 2019, provocando ulteriori speculazioni sull’entità della sua ricchezza mentre il Congresso si prepara a rilasciare le sue dichiarazioni dei redditi.

L’ex star dei reality ha registrato plusvalenze da vendite di asset per 22 milioni di dollari nel 2018 e 9 milioni di dollari l’anno successivo.

Ma ha perso quasi $ 65 milioni durante la sua campagna nel 2015 e nel 2016 e circa $ 13 milioni durante il suo primo anno in carica.

Nel 2020, i suoi guadagni sono in rosso di $ 5 milioni.

Il rapporto ha anche mostrato che Trump ha portato avanti $ 105 milioni di perdite operative nette sul suo rendimento del 2015, $ 73 milioni nel 2016, $ 45 milioni nel 2017 e $ 23 milioni nel 2018 per ridurre i debiti.

READ  Virus: l'Islanda ri-test negativo per i viaggiatori vaccinati

I funzionari eletti hanno votato martedì per rilasciare le dichiarazioni dei redditi dell’ex presidente, che ha condotto una battaglia legale pluriennale per mantenerle segrete.

“Trump ha riportato perdite e crediti per decine di milioni di dollari senza il tipo di giustificazioni che il contribuente medio potrebbe fornire”, ha dichiarato in una nota il rappresentante democratico Lloyd Doggett.

Un rapporto parlamentare separato sulle autorità fiscali statunitensi ha mostrato che queste ultime non hanno fatto ciò che avrebbero dovuto fare per quasi l’intero mandato di Donald Trump.

Secondo il testo, “l’IRS ha aperto una sola revisione obbligatoria dal 2017 al 2020 delle dichiarazioni presentate mentre l’ex presidente era in carica”.

L’IRS ha iniziato a controllare Trump lo stesso giorno in cui i democratici del comitato hanno chiesto informazioni sulle sue tasse del 2019.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.