trattamento delle donne | Le Nazioni Unite tracciano una “linea rossa” per i talebani

(Ginevra) Martedì il capo del dipartimento per i diritti umani delle Nazioni Unite ha tracciato una “linea rossa” per i talebani, esortandoli a rispettare i diritti delle donne in Afghanistan, in particolare l’accesso a un’istruzione di qualità.




Agnes Pedroo
Agenzia di media Francia

Intervenendo all’apertura della riunione speciale del Consiglio per i diritti umani sull’Afghanistan, Michelle Bachelet ha invitato i talebani a mantenere le loro promesse, in particolare per quanto riguarda il rispetto dei diritti delle donne.

“La prima linea rossa sarà il modo in cui i talebani tratteranno le donne e le ragazze e rispetteranno i loro diritti alla libertà, alla libertà di movimento, all’istruzione, all’espressione personale e al lavoro, in conformità con gli standard internazionali in materia di diritti umani”, l’Alto Commissario per i diritti umani disse. .

“In particolare, garantire l’accesso delle ragazze a un’istruzione secondaria di qualità sarà un indicatore chiave dell’impegno dei talebani” per i diritti umani, ha aggiunto, chiedendo la creazione di un governo “inclusivo” con una significativa rappresentanza delle donne.

La sessione speciale sull’Afghanistan si tiene su richiesta del Pakistan, in qualità di Coordinatore dell’Organizzazione per la cooperazione islamica (OIC) sui diritti umani e delle questioni umanitarie, e dell’Afghanistan, rappresentato da Nasir Ahmad Andisha, il diplomatico nominato dal precedente governo. Supportato da quasi un centinaio di paesi, tra cui Francia e Stati Uniti.

Nasir Ahmed Andisha ha invitato il Consiglio per i diritti umani a inviare “un messaggio forte a tutte le parti, compresi i talebani, per far capire loro che le violazioni dei diritti umani avranno conseguenze”.

Durante le discussioni, una sessantina di Paesi hanno presentato una dichiarazione congiunta letta dalla rappresentante spagnola alle Nazioni Unite, Aurora Diaz Rato, che chiedeva in particolare “la fine immediata delle uccisioni mirate dei difensori dei diritti delle donne”.

READ  Ex avvocato della Casa Bianca che testimonia su Trump

Da quando hanno preso il potere il 15 agosto, i talebani hanno cercato di convincere la popolazione che sono cambiati e che il loro regime sarà meno brutale del precedente, tra il 1996 e il 2001.

Poi hanno imposto una versione molto severa della legge islamica. Le donne non potevano né lavorare né studiare, e ladri e assassini subivano dure punizioni.

Oggi i talebani affermano che i diritti delle donne saranno rispettati e sarà loro permesso di ottenere un’istruzione e un lavoro.

Ma questo non ferma il flusso di chi non crede alle proprie promesse e vuole partire a tutti i costi.

A Kabul, migliaia di persone si radunano intorno all’aeroporto, sperando di poter lasciare il proprio Paese su aerei noleggiati dall’Occidente.

“Violenze tombali”

NSio Bachelet, che all’inizio di agosto ha citato “rapporti di violazioni che potrebbero essere paragonati a crimini di guerra e crimini”, ha detto martedì di aver ricevuto “informazioni credibili che mostrano gravi violazioni del diritto umanitario internazionale e violazioni dei diritti in molte aree sotto il controllo dei talebani”. .

E l’avvertimento dei talebani: “Le violazioni dei diritti umani minano la legittimità dei loro autori, sia nei confronti della popolazione, ma anche delle istituzioni regionali e internazionali e di altri stati”.

NSio Bachelet ha invitato il Consiglio per i diritti umani a mettere in atto “un meccanismo ad hoc per monitorare da vicino l’evoluzione della situazione dei diritti umani in Afghanistan, compresa in particolare l’attuazione delle promesse da parte dei talebani”.

Diverse ONG hanno chiesto un’indagine internazionale e hanno anche istituito un CDH per la Birmania o il Venezuela.

Ma la bozza di risoluzione presentata dal Pakistan per conto dell’Organizzazione per la cooperazione islamica chiede solo all’Alto Commissario di indagare sulle violazioni dei diritti umani e di pubblicare un rapporto nel primo trimestre del 2022.

READ  A Cuba, un'enorme bandiera di cemento sfida l'ambasciata americana

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *