Tour de France: l’australiano Michael Matthews vince a Mendy, Vinggaard resta giallo

Alla fine ha vinto Michael Matthews. Il pilota australiano ha vinto la 14a tappa del Tour de France tra Saint-Etienne e Mendy a scapito di un intenso duello con l’italiano Alberto Petitol. Il francese Thibaut Pinot non merita e finisce sul terzo grado del podio. Dane Jonas Vingegaard ha mantenuto la maglia gialla dopo una fase controllata in cui è stato in grado di dominare gli attacchi di Tadej Pogacar.

Questa quattordicesima tappa è iniziata alla grande con un attacco sloveno a Vinggaard a più di 180 km dal traguardo. Il detentore del doppio titolo ha beneficiato di un po’ di caos all’interno della formazione Jumbo-Visma che negli ultimi giorni non è riuscita a riprodurre il lavoro di squadra.

Vingegaard resiste

Abbastanza solo, Jonas Weinggaard ha perso anche un collega sollevatore di pesi nella persona di Primoz Roglic, in una prima difficoltà di difficoltà della giornata.

Perché il suo allenamento torni in azione, la maglia verde Wout van Aert ha deciso di restare indietro in attesa che Roglic lo riportasse nel gruppo maglia gialla.

A sua volta, Tadej Pojacar può contare sul supporto del team Emirates con i compagni di squadra Brandon McNulty, Rafal Majka e Marc Soler, che sono molto forti. Mondo a testa in giù si potrebbe dire per quanto riguarda le prime 14 tappe del Tour de France dove generalmente era lo sloveno a dover comporre da solo. Ma c’è ancora tanta strada da fare. Basta vedere Jonas Weinggaard rispondere a Tadej Pogacar e sferrare un attacco massiccio che lo sloveno è comunque riuscito a controllare.

Thibaut Pinot III, fortune miste di Bardet e Gaudo

In primo piano si formò un massiccio distaccamento di 20 passeggeri, tra cui diversi francesi tra cui Benoit Cosnefroy e Thibaut Pinot. Gruppo di testa per un po’ guidato dal tedesco Simon Geschke che ha consolidato la sua avanzata in vetta alla classifica delle montagne.

READ  Quadro Madrid troppo incerto per il secondo match

Diversi corridori si sono poi ritirati dalla fuga per consentire a un gruppo di uomini di guidare la gara. Nelle retrovie, l’inseguimento di gruppo si è intensificato ai piedi della Côte de la Croix Neuve con 14 concorrenti tra cui Thibaut Pinot. Il francese non riuscirà a raggiungere il bivio ea finire terzo. Poi ci dirigiamo al duello tra Alberto Pettiol e Michael Matthews che vincerà l’australiano, che sul grande ring sigla la sua quarta vittoria in carriera.

Infine, dalla parte francese, Romain Bardet ha limitato i danni come meglio poteva, ma ha perso 10 secondi contro il britannico Geraint Thomas. Tuttavia, è ancora quarto assoluto. David Gaudu ha dominato bene la sua salita al Col de la Croix-Neuve e spera ancora di raggiungere il podio finale. Domani in campo c’è data per una nuova tappa tra Rodez e Carcassonne dove il termometro dovrebbe flirtare a 40 gradi.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.