Succo di mirtillo rosso o… Pesticida: un ristorante è sotto inchiesta dopo che due giovani ragazze sono state mandate in ospedale

Succo di mirtillo rosso o… Pesticida: un ristorante è sotto inchiesta dopo che due giovani ragazze sono state mandate in ospedale

Secondo quanto riferito, un ristorante australiano è sotto indagine sulla salute pubblica dopo aver presumibilmente fornito un repellente per zanzare a due ragazze che venerdì avevano ordinato succo di mirtillo rosso.

“Le mie figlie hanno iniziato a berlo [à grandes gorgées] Entrambi sputarono succo di mirtillo e dissero: “È avvelenato”. “Ho detto di non essere sciocco, e lei ha bevuto un sorso e lo ha sputato”, ha detto sabato Michelle Lemmen alla ABC News.

Nel fine settimana, la famiglia di Perth, in Australia, ha deciso di uscire a cena in un ristorante quando le figlie Olivia e Hannah, di 11 e 12 anni, hanno chiesto del succo di mirtillo rosso per accompagnare il pasto.

A quel tempo, gli sarebbero stati serviti due bicchieri di liquido che sembrava molto simile al succo di mirtillo rosso, ma che non aveva nulla a che fare con esso, secondo i media australiani.

Tuttavia, quando la madre delle ragazze ha chiesto di vedere la bottiglia, il personale le ha detto che era “solo vecchio succo di mirtillo rosso”, prima di prendere la bottiglia dal frigorifero per metterla sotto il bancone, hanno detto la donna e il suo compagno. Marco Limino.

Entrambi i genitori avrebbero insistito per vedere la bottiglia. Poi si sono resi conto che le loro figlie avevano ingerito un repellente per zanzare, venduto in un contenitore di plastica che sembrava succo di mirtillo rosso.

Seguendo il consiglio del Centro antiveleni, la famiglia si è precipitata al Perth Children’s Hospital e al Sir Charles Gairdner Hospital, dove i tre sarebbero stati tenuti sotto osservazione per diverse ore.

“Lo stomaco delle mie figlie bruciava e le loro dita e mani formicolavano. “Avevano mal di testa… era terribile”, ha continuato la madre ad ABC News.

READ  Il ministro dell'Istruzione incoraggia le giovani generazioni a passare alla tecnologia

Dopo aver contattato il consiglio locale, la famiglia avrebbe presentato una denuncia al Dipartimento della Salute australiano per un’indagine sull’incidente.

Contattato da ABC News, il ristorante, di cui non è stato fatto il nome, ha dichiarato di voler evidenziare la situazione.

“Non è possibile gestire un ristorante e consentire la presenza di sostanze chimiche in un’area in cui possono verificarsi questo tipo di errori. Per lo meno, è necessario adottare alcune misure per garantire che rispettino sostanzialmente le norme di sicurezza”.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *