Steliau Technology si sta affermando sempre più in Italia con l’acquisizione di Interdipros

Steliau Technology, fornitore di componenti elettronici e sottogruppi per i produttori, mantiene la sua strategia di crescita esterna in Europa. Dopo l’italiana Special-Ind (a marzo 2021) e la spagnola Media Microcomputer (a marzo 2022), tocca ad un’altra società italiana, Interdipros, essere acquisita.

Fondata nel 2005 e situata a Verano Brianza a nord di Milano, Interdipros è specializzata principalmente nell’integrazione di HMI (interfaccia uomo-macchina), soluzioni touch e soluzioni di cablaggio per conto di una clientela multisettoriale. L’azienda dispone di una camera bianca certificata dedicata ai servizi di assemblaggio, integrazione e personalizzazione della soluzione in base ai vincoli tecnici dei propri clienti.

“La logica di questa operazione è quella di integrare le capacità progettuali e di integrazione di Interdipros per offrirle al portafoglio di clienti Special-Ind in Italia”, ha spiegato Pascal Reynoud, direttore generale del gruppo.

Il leader dell’Interdipros, Graziano Quaggio,” rimane pienamente operativo nel sistema “. Con una decina di dipendenti, l’azienda ha realizzato un fatturato di quattro milioni di euro nel 2021 e spera di raggiungere i 5 milioni di euro quest’anno. Dall’altra parte delle Alpi, il gruppo Steliau Technology, di cui avevamo disegnato il ritratto in un dossier dedicato alla distribuzione (vedi Elettronica n. 127), “mira a continuare la sua forte crescita sia in Francia che a livello internazionale e dovrebbe raggiungere un fatturato consolidato pro forma di circa 140 milioni di euro nel 2022 rispetto ai 39 milioni di euro del 2019”.

READ  In Italia una città decide di concedere la cittadinanza ai bambini stranieri nati nel Paese

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.