Stati Uniti | Aumentare le tasse sulle società per stimolare il mondo, afferma Yellen

(Washington) Il segretario al Tesoro Janet Yellen ha dichiarato mercoledì che l’aumento delle tasse sulle società statunitensi che l’amministrazione Biden vuole finanziare gli investimenti nelle infrastrutture dovrebbe incoraggiare altri paesi a seguire l’esempio e fermare ulteriori tagli fiscali.


France Media

“Non stiamo solo ponendo fine alla partecipazione degli Stati Uniti a questa corsa alla riduzione (delle tasse), ma il disegno di legge incoraggia il mondo intero ad abbandonare questa pratica”, ha sottolineato.

Per attirare le aziende nei loro territori e garantire loro un ambiente competitivo, i paesi competono per le aliquote dell’imposta sulle società.

E ha insistito sul fatto che “questa devastante concorrenza fiscale non finirà fino a quando le economie abbastanza grandi smetteranno di tagliare (le tasse) e accetteranno le tasse minime globali”.

Sono in corso trattative su questo tema in seno al G20, che spera di raggiungere un accordo entro l’estate.

“Siamo in grado di raggiungere un accordo che incoraggerà la stragrande maggioranza dei paesi sviluppati del mondo a fissare un livello fiscale minimo”, ha detto alla CNBC Wali Ademu, secondo classificato al Tesoro.

Da un lato, respinge l’idea di una tassa mirata solo ai giganti digitali: “Abbiamo chiarito alle nostre controparti europee che non sosterremo una tassa discriminatoria contro le società statunitensi, ma sosteniamo le tasse che assicurano che le aziende debbano pagare una tariffa fissa in tutto il mondo. ”

Per gli Stati Uniti, un aumento dell’imposta sulle società dal 21% al 28% dovrebbe aiutare a finanziare un massiccio piano di investimenti di oltre 2 trilioni di dollari in otto anni in infrastrutture, energia verde e tecnologia.

READ  Tacere o dire la verità?

Zero tasse per alcune multinazionali

Questo aumento invertirà parzialmente la diminuzione data da Donald Trump, dal 35% al ​​21%.

Il risultato è stato un calo significativo delle entrate fiscali pagate dalle società. Negli ultimi tre anni, il livello delle tasse sulle società è sceso al livello più basso dalla seconda guerra mondiale: l’1% del PIL “, ha detto Janet Yellen.

Ha inoltre indicato che gli investimenti aggiuntivi promessi per giustificare questo calo non erano stati effettuati, poiché avevano l’effetto di incoraggiare altri paesi a seguire l’esempio.

Ha spiegato che “nei prossimi dieci anni, circa due miliardi di dollari in tasse aziendali saranno offerti fuori dal Paese a causa di questo sistema difettoso”.

Questo taglio delle tasse, combinato con agevolazioni fiscali e trucchi legali, ha permesso alle multinazionali statunitensi come Amazon di evitare di pagare le tasse, nonostante gli enormi profitti.

In un anno tipico, circa 200 aziende registrano profitti netti di $ 2 miliardi o più. Gran parte di loro non ha pagato le tasse allo stato federale ”, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti esprime il suo rammarico nel suo disegno di legge, che è stato pubblicato mercoledì.

Quindi si prevede che, per impedire a queste grandi società di giocare sul miglioramento delle tasse, i loro dividendi presentati agli azionisti sarebbero tassati al 15%.

Mentre i repubblicani si oppongono all’aumento delle tasse, sostenendo che danneggerebbero gli investimenti, il Fondo monetario internazionale questa settimana ha confermato ai suoi incontri di primavera che è improbabile che abbia un impatto significativo.

Il Fondo finanziario del FMI ha confermato che l’aumento previsto dal piano Biden sarà inserito in un “accordo internazionale” sostenuto dal Fondo monetario internazionale, perché “è importante consentire ai governi di ottenere le risorse necessarie” per continuare ad aiutare le persone più vulnerabili . Il direttore degli affari Vitor Gaspar, mercoledì in conferenza stampa.

READ  Conferenza al CORIM | L'ambasciatore cinese rimuove tutte le critiche

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *