“Speravo che sarebbe stato il campione di Francia…” Senchal racconta la sua mancanza di scelta

Il campione francese e compagno di squadra Quick-Step di Julien Alaphilippe Florian Senchal (28), che quest’anno mancherà anche alla Grande Boucle, ha reagito alla decisione della sua squadra di non affrontare il doppio campione del mondo francese sulle strade del Tour de France.

Come hai reagito all’annuncio del roster della tua squadra al Tour de France?

Ho appreso la notizia venerdì prima del campionato francese. Sono rimasto deluso, ma mi ha dato la motivazione per fare bene in campionato. Speravo che essere campione in Francia cambiasse la situazione, ma anche per il campione del mondo poco importa… Adesso sono una riserva. Hanno deciso, io sono solo un corridore.

Tu, come Julian Alaphilippe, non sei stato scelto. È difficile essere un pilota francese in una squadra straniera?

La squadra mi ha detto che volevano iniziare alla grande i danesi a Copenaghen per dare una buona immagine. Posso capire che, anche il marketing è importante. È un grande annuncio per il Tour de France. Guarderemo la squadra in TV per vedere come è riuscita a vincere le tappe. Personalmente so di aver fatto bene professionalmente e con risultati. Io vado in vacanza e vedremo il tricolore sulle strade d’Italia in ritiro e al Giro di Spagna.

Capisci la scelta della squadra di non scegliere Julian Alaphilippe?

La squadra stava aspettando di vedere la gara di domenica per prendere una decisione. Julian stava bene domenica, anche se non si sentiva arioso. Mi ha chiesto come mi sentivo. E anche se sapeva che la sua partecipazione al Tour era stata parzialmente decisa ieri, si è inginocchiato per me. Mostra un po’ lo stato d’animo di un corridore. A proposito, lo ringrazio.

READ  Italia: fine stagione e futuro incerto per Franck Ribery?

La sua vittoria nel campionato francese gli ha fatto lanciare il Tour de France?

Doveva attaccare, doveva fare Julian. Poi, dobbiamo capire, ha avuto un disturbo digestivo la scorsa settimana. Andava bene ma non al 100%. Ma poi, conosciamo Julian. So benissimo che dopo una settimana di viaggio sarebbe arrivato al 95% e poi finalmente al top. So come si forma molto rapidamente. E poi non ha avuto pressioni. Potrebbe farne parecchie. Mi sento dispiaciuto per lui.

Come ha preso la notizia Julian?

Si sente deluso. Cerca di capire la decisione della squadra. È un anno senza di lui al momento. Ma è normale rimanere delusi. Partì per la Sierra Nevada per tre settimane lontano dalla sua famiglia per prepararsi al Tour de France. È difficile da digerire anche se un po’ sospettato a causa delle ferite.

Qual è il tuo piano adesso?

Probabilmente faremo un barbecue con Julian, e poi forse una sessione di stand-up e un tour in Spagna. Vedremo.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.