Sophia Saidi: Voglio tornare sul palco

La adoriamo come cantante in Star Ac, attraverso i suoi album e sul palco Chicago (leggere la nostra recensione). Ma per ora vediamo Sofia Saidia soprattutto come attrice. Non limitarti a presentarti combattentila serie che ha avuto un enorme successo su TF1, ma anche in La giuria di Dinard del British Film Festival, Il che ci ha dato l’opportunità di incontrarla finalmente…

Come membro della giuria, quali sono le tue aspettative?

Questa è la mia terza volta in una giuria di un festival cinematografico e adoro questo esercizio. È un piacere avere qualche giorno per scoprire i lavori, la miniatura creata attorno alla giuria e le discussioni che abbiamo sono fantastiche. C’è un’atmosfera molto amichevole. Poi c’è la scoperta. E qui, quando si parla di cinema britannico, si scoprono progetti davvero potenti.

Ti conosciamo come cantante e come attrice. Puoi fare entrambe le cose contemporaneamente?

Per sviluppare con successo la mia carriera di attore, ho dovuto smettere di suonare. Ho fatto, per alcuni anni, principalmente musica. Al momento, faccio principalmente commedie e non vedo l’ora che arrivi il momento in cui potrò fare entrambe le cose allo stesso tempo. Potrei anche aver bisogno di essere completamente esclusivo per essere in grado di concentrarmi. Non sono ancora riuscita a fare entrambe le cose, ma è uno dei miei desideri.

Al momento mi manca molto cantare, ma sono molto coinvolta come attrice. C’è la musica, ovviamente, ma è difficile trovare un progetto forte come quello Chicago. Vorrei un progetto che mi dia forti sensazioni.

Hai un duetto nella canzone che ti distingue molto?

Direi che il mio ricordo più bello è Sting, Rossana da Sting. Avevo 19 anni e la gente mi diceva: “Tu canti con lui, vivi senza una vera pratica”. Ero terrorizzato, e lì mi sono ritrovato con un uomo di raffinatezza e generosità… sono rimasto sbalordito. Qualcosa di magico è successo tra noi, in questo momento in cui due artisti sono d’accordo. Questo è uno dei momenti più belli, ma ce n’è un altro, anche con Laura Fabian. Mi ha dato forza ed è stato in grado di raggiungere una nota che non potevo raggiungere.

Tu sei Caroline nella serie combattenti. Cosa ne pensi del tuo personaggio, soprattutto in ciò che riveli sulla posizione delle donne durante la prima guerra mondiale?

Ero entusiasta di fare questo progetto, perché non si parla abbastanza delle donne e del loro ruolo durante questa guerra. Passare attraverso una finzione popolare per farlo e sfogliare i sentimenti consente alle giovani generazioni di volerne parlare. Ho guardato gli episodi con mio nipote e mia nipote e ho spiegato loro alcune cose. ma per me Personaggio, lo amo. Ho un amore pazzesco per Caroline. È una donna chiusa nella sua situazione, non si esprime e non si esprime. E amo come, di fronte agli eventi, si rivela per imporsi e liberarsi…

Una domanda sui tuoi prossimi progetti, dove ti vedremo?

Nella serie Olivier Marchal su Prime Video, La promessa, Poi al cinema a novembre nel film nostalgia Di Mario Marton, un film italiano scelto per rappresentare l’Italia agli Academy Awards. E forse presto ci sarà anche un teatro, perché voglio tornare di nuovo a teatro.

Visual (C) British Dinar Film Festival

READ  La star comica Patrick Howard è l'ospite della versione Quebec di "LOL"

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.