Sono state introdotte le auto di nuova generazione

Chevrolet Camaro ZL1, Ford Mustang e Toyota TRD Camry. Ecco i titoli di auto futuristiche che soddisfano i regolamenti di nuova generazione della NASCAR dalla stagione 2022.

Dopo diverse sessioni di test in seguito allo sviluppo iniziato dalla NASCAR nel 2018, i tre produttori e funzionari statunitensi questo mercoledì hanno rivelato che queste auto volevano rilanciare il lato “stock”, con il lato necessario più vicino alla produzione.

Per quanto riguarda il telaio, le vetture mantengono il corpo tubolare, con nuovi paraurti anteriore e posteriore. La struttura, ora simmetrica, attesta l’arrivo di materiali compositi, la capacità dei marchi di integrare meglio il design dei veicoli stradali, e il lavoro svolto sul lato aerodinamico con accesso a un diffusore posteriore per ridurre la famigerata ‘aria inquinata’. “.

Anche la sospensione posteriore diventa indipendente e il tirante scompare. Un altro grande cambiamento è l’arrivo delle ruote da 18 pollici che incorporeranno un singolo dado centrale e saranno coperte con pneumatici più grandi, e anche l’impianto frenante è stato migliorato.

Dal punto di vista meccanico il V8 rimarrà invariato, ma il futuro è pronto con la possibilità di inserire in futuro un monoblocco ibrido. Un nuovo cambio di serie a cinque velocità è incluso nel nuovo pacchetto di trasmissione.

“Quello che Ford ha fatto qui con una Mustang sarebbe mentire per dire che non è bello, Lo conferma Joy Lugano, residente nel Team Penske. Sembra aggressivo. Penso che qualsiasi fan della Mustang, entusiasta di Ford, sarebbe totalmente d’accordo con quello che stiamo ottenendo sul ring. Non vedo l’ora di guidare queste macchine. Sarebbe grandioso. “

Le auto di prossima generazione dovrebbero apparire a Daytona nel febbraio 2022.

READ  Il buon affare di Microsoft: oltre 65 € di sconto sul PC Surface Pro 7

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *