Si attende una decisione sulla sorte di dieci attivisti italiani di estrema sinistra rivendicati dalla Roma

La Corte d’Appello di Parigi può pronunciarsi mercoledì 29 giugno sulle richieste di estradizione di dieci ex attivisti di estrema sinistra italiani che hanno cercato rifugio in Francia dagli anni ’70, ’80 e ’90. La Camera Investigativa, che è responsabile dell’arbitro, non giudicherà e non ordinerà ulteriori informazioni aggiuntive, come già fatto in diverse occasioni nell’autunno del 2021 e nell’inverno 2022. 1970-1980, negli anni di piombo; In Francia, in base a quello che fu convenuto di essere chiamato il “Credo Mitterrand”, ottennero asilo in cambio della loro rinuncia alla lotta armata.

Per la prima volta dall’avvio del procedimento, iniziato nella primavera del 2021, subito dopo l’arresto di questi attivisti di lunga data in Francia con un mandato d’arresto europeo, tra il 23 marzo e il 15 giugno, la Corte d’Appello ha esaminato la situazione di gli otto uomini e due donne, di età compresa tra i 61 ei 78 anni, rivendicati da Roma. Alcuni dei 10 italiani hanno scelto di parlare davanti ai giudici della camera istruttoria. Non è stato così per Giorgio Petrostefani, 78 anni, il più anziano richiedente asilo italiano arrivato in Francia nel 1975, che per motivi di salute non ha mai potuto partecipare.

Leggi anche: Questo articolo è riservato ai nostri iscritti Eric Voillard: “L’estradizione che vogliamo applicare ai rifugiati politici italiani è una misura che non c’è più”

Lo sottolinea l’avvocato Erin Terrell, che difende sette di questi italiani“È raro che il tribunale rilasci due ulteriori informazioni. Questa è la prova della repressa passività delle autorità repressive, mentre noi siamo eccessivamente diligenti. Se lo Stato italiano chiede l’estradizione a quaranta-cinquant’anni dopo i fatti, allora naturalmente lo farà fornire i documenti invocati., si arrabbiano. I difensori pubblici hanno chiesto chiarimenti in merito a testi relativi alla mancanza di prescrizione, traduzioni o atti processuali mancanti dagli atti.

READ  Ritratti: sei donne storiche che hanno lasciato il segno su Roma

Uno dei principali problemi legali delle domande italiane è la loro natura retroattiva. Risale al 2014 la legge italiana che allinea le procedure di assenteismo alle sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU). In precedenza, la legge non prevedeva un nuovo processo in caso di arrivo di un condannato nel suo territorio. la mia assenza. Ma nel caso di tutti i rifugiati italiani in Francia, ci sarà un’applicazione retroattiva di questa legge, e il loro caso è molto più antico.

Leggi anche: Questo articolo è riservato ai nostri iscritti Torna alla ribalta Mi Erin Terrell, storico avvocato di ex militari italiani

“clausola umanitaria”

E in alcuni casi la Corte d’Appello, già richiesta in passato, ha emesso parere favorevole all’estradizione negli anni ’90 o 2000. Ma la consegna non è mai stata effettuata dalla Francia, ora è obsoleta. Lo Stato francese ha un periodo di quattro mesi per l’attuazione [la décision d’extradition]Il paese richiedente ha due mesi per attaccare [une non-exécution devant le juge administratif] “,” Spiega M.e Terrell. Se non si fa nulla, il caso è chiuso, poiché l’avvocato è considerato uno dei migliori specialisti in diritto dell’estradizione in Francia. L’avvocato insiste sul fatto che, per giustificare una nuova estradizione, è necessario che accadano fatti nuovi. “Non importa, non è così”.lei crede.

Hai ancora il 39,88% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.