Serbatoio di acido nitrico colpito dai russi a Severodonetsk

Il governatore della regione, Sergei Gadash, ha annunciato che un “serbatoio di acido nitrico” in un impianto chimico a Severodonetsk, nell’Ucraina orientale, è stato colpito da “colpi” russi martedì e ha invitato i residenti a non lasciare i rifugi antiaerei.

• Leggi anche: “La maggior parte di” Severodonetsk è sotto il controllo russo

• Leggi anche: diretto | Il 97° giorno di guerra in Ucraina

“Non lasciare i rifugi”, ha scritto il governatore su Telegram, e “preparare maschere per il viso imbevute di una soluzione di soda”, sottolineando che l’acido nitrico in particolare può causare danni ai polmoni o perdita della vista.

La Società francese di medicina d’urgenza afferma che l’acido nitrico è “pericoloso per la salute (lesioni generalmente reversibili)”, ma può causare la morte.

Sotto forma di gas, è “soffocante, irritante e persino corrosivo” se inalato e può anche danneggiare la pelle o gli occhi.

All’inizio di aprile, Sergeyevich Gaidich ha riferito di un attacco al serbatoio di acido nitrico a Robyzhny, pochi chilometri a nord di Severodonetsk.

Da parte loro, i separatisti filo-russi hanno notato che un contenitore contenente acido nitrico “è esploso” nello stabilimento di Azot a Severodonetsk.

All’impianto chimico Azut è esploso un contenitore con sostanze chimiche. Secondo le informazioni preliminari, è acido nitrico. Il territorio dello stabilimento è ancora sotto il controllo delle formazioni del regime ucraino”, ha scritto su Telegram Rodion Miroshnik, rappresentante della repubblica separatista di Lugansk in Russia.

Il suo messaggio era accompagnato dall’immagine di una spessa nuvola rossastra che si alzava nel cielo.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha denunciato in un video trasmesso in serata su Telegram: “Gli attacchi militari russi, compreso il bombardamento aereo indiscriminato, sono assolutamente folli”.

READ  Sud Africa: un sospetto cacciatore muore, calpestato dagli elefanti

La città di Severodonetsk, il centro amministrativo delle autorità ucraine nella regione di Lugansk, è stata il centro di diversi giorni di aspri combattimenti tra l’esercito russo e quello ucraino.

“Purtroppo, oggi i soldati russi controllano la maggior parte della città”, ha detto Sergio Gaidai, martedì sera.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.