Secondo Le Drian, la Russia è un “grande” vicino.

Il ministro ha condannato le azioni di Bielorussia, Russia e Regno Unito

Domenica il ministro degli Esteri, Jean-Yves Le Drian, è stato ospite del gran giurì di RTL-LCI- “Le Figaro”. Ha rappresentato pessimisticamente il mondo post-virus “estremamente instabile”. Ha notato il populismo che sta prendendo piede in alcuni Paesi europei, anche se “molti Paesi resistono come Germania, Italia e Spagna”. “La Francia non è immune”, avverte Jean-Yves Le Drian. Il ministro ha parlato della situazione in diversi Paesi europei.

La Russia è un vicino “stressante ea volte insopportabile”, e prende di mira le decisioni che il presidente russo prende sull’Ucraina, “in una forma di preoccupante deriva autoritaria”. La Russia aveva già messo in guardia la Russia contro “qualsiasi ulteriore attacco all’integrità territoriale dell’Ucraina”. I media americani hanno notato movimenti militari da Mosca all’inizio di novembre, che testimonia lo sviluppo militare delle forze russe al confine con l’Ucraina. Jean-Yves Le Drian ammette che dobbiamo “trovare un modo per andare d’accordo con lui”. […] mantenendo le vie del dialogo

“Wagner non può venire in Mali”

Inoltre, il ministro è preoccupato per Possibile sbarco di mercenari del Gruppo Wagner russo nel Sahel, Paese dove la Francia ha schierato 5.000 uomini. “Non è possibile che Wagner venga in Mali”, ha detto il ministro. Ha descritto i mercenari come “predatori”. La Russia, che nega ogni collegamento con Wagner, ha negato le preoccupazioni francesi.

Per quanto riguarda Girondin Sophie Petronin, che era tornata in Mali dopo essere stata tenuta in ostaggio, Jean-Yves Le Drian ha risposto con forza: “Lasciala stare lì”, ha detto.

READ  Il ministro dell'Interno italiano Luciana Lamorgues in visita in Tunisia

Ha mostrato “solidarietà con la Polonia” che dovrebbe “prendersi cura della sicurezza delle frontiere esterne dell’Europa”, anche se la costruzione di un muro di confine non era al momento la “risposta adeguata”. Il ministro è scettico sull’idea che sarà “una crisi migratoria, ma un processo geopolitico guidato da un dittatore”, rivolto direttamente al presidente bielorusso, Alexander Lukashenko. poche settimane fa, La Bielorussia usa i flussi migratori per fare pressione sull’Unione europeae consentire ai migranti di passare in Polonia o Lituania.

La pesca francese al centro del dibattito

E il ministro degli Esteri ha messo in guardia contro gli attriti con gli inglesi sulla questione della pesca, dicendo: “Combatteremo licenza dopo licenza”. E vuole credere che “questo è un problema tra Ue e Regno Unito, non tra Francia e Regno Unito”.

A causa della Brexit, alcuni pescatori francesi stanno lottando per ottenere i diritti di pesca e non possono più lavorare. Il ministro del mare, Annick Girardin, ha annunciato giovedì 18 novembre che Risarcimento per coloro la cui barca rimane all’ancoraChe ha sollevato le ire dei professionisti, segno della sconfitta della Francia. Descrive Boris Johnson come “un populista che sta intensificando le sue manovre, soprattutto con la Francia”. Di nuovo, dice che è “aperto alla discussione”.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *