Scienze della mobilità e disabilità politica in Quebec

Non so se Dominique Englade ei liberali faranno progressi politici con la loro nuova proposta sui trasporti pubblici in Quebec, ma ha un vantaggio.

Inserito alle 6:00

Riassumendo, suggeriscono la seconda fase del progetto del tram del Quebec. I dettagli non sono ancora usciti, il che richiede un po’ di moderazione, ma so che la situazione non è peggiore.

È in Quebec, vedete, che negli ultimi anni l’intelligenza e la scienza sono state così maledettamente carenti nelle discussioni sul trasporto di merci e persone. L’opportunità politica è la base principale per la valutazione del progetto.

Le carenze politiche si sono impadronite della bandiera del movimento.

Il Quebec ha sviluppato tre diversi progetti di trasporto pubblico negli ultimi quindici anni.

Sam Hamad ha ucciso il primo progetto di tram, con la complicità dei governatori federali eletti della regione, per un’opportunità puramente politica.

La seconda, la linea del tram che corre su entrambe le sponde, ha visto il politico Levis diventare un apostata e si è precipitato nel tunnel del Third Link Project con lo stesso opportunismo.

Infine, se dipendesse dai rappresentanti eletti del CAQ nella regione del Quebec, il partito benedetto di periferia, l’attuale progetto bis tram non esisterebbe, sempre per le stesse ragioni.

Dobbiamo dare credito al primo ministro Philip Couillard, che ha creduto davvero in lui.

I liberali, nel caso in esame ora, propongono una seconda fase che, nella presente elezione, ha un senso e porta qualcosa di concreto.

È complicato per chi non conosce il Quebec, ma i liberali propongono, dopo l’attuale percorso est-ovest, i lavori preparatori in corso, un nuovo percorso nord-sud.

READ  Il primo caso di malattia da virus di Marburg "altamente contagiosa" è stato rilevato in questo paese dell'Africa occidentale

Se abbiamo dimenticato l’idea di raggiungere l’aeroporto del Quebec, la prima qualità dell’esercizio è l’estensione del servizio tramviario a nord della città, nella periferia del vecchio Quebec, anche più dell’attuale progetto.

Lascia che ti ricordi che durante le elezioni municipali del 2017 mi sono opposto al progetto del tram che copriva solo il centro di Quebec City. Ero convinto, e lo sono tuttora, che gli abitanti si sarebbero ribellati a un progetto che coprisse solo questa parte centrale del territorio.

Da allora, le persone intelligenti mi hanno fatto dire che sono contrario a tutti i progetti sui tram. Ma ehi, niente da fare lì, devi lasciarlo.

PLQ arriva a pensare che Lévis e Quebec dovrebbero essere collegati da una linea di tram. Favoloso! Il kamikaze di scienze politiche è qui! Ma ha ragione.

Sta attento a non commentare l’idea di un collegamento sotto il fiume per portare questa linea tranviaria sulla sponda sud, il che è saggio.

Abbiamo collegato le due banche con trasporti strutturati e ci abbiamo creduto in Quebec.

Fino al momento in cui il sindaco di Levis, Gilles Lhuillier, ha deciso di negare contemporaneamente la sua parola e il progetto che ha contribuito a sviluppare, tradendo il Quebec con un meraviglioso cuore posteriore, e così voltando le spalle al presepe!

Quest’uomo, come Mosè sul monte Sinai, sperimentò la rivelazione e capì che il sostegno della Terza Lega avrebbe pagato di più per la sua rielezione. Buon capo.

Cito un paragrafo di un eccellente articolo di Guillaume Burgolt Coty al link 3, Tunnel del ponte del frantoio⁠ 1 Nel numero di settembre di Notizia “Gli studi sul traffico ci mostrano senza dubbio che un investimento di 1,5 miliardi di dollari in un tunnel non sarebbe giustificato”, ha affermato il parlamentare liberale di Levis nel 2011. Quest’ultimo riteneva che per risolvere i problemi di congestione tra i fiumi, l’area avrebbe dovuto disporre di corsie destinate al trasporto pubblico. Il funzionario eletto in questione, Gilles Lhuillier, è diventato sindaco di Levis due anni dopo e uno dei fedeli sostenitori di Link (non ha risposto alle richieste di interviste per questo rapporto).

READ  GLEAMER pubblica i risultati convincenti di uno studio clinico (IA in Radiology) sulla prestigiosa rivista "Radiology"

Niente da aggiungere, tranne che aveva già buon senso, questo ragazzo…

Concludo informandovi che abito da molto tempo nell’Île d’Orleans e che la proposta del signor Doehme di costruire un ponte tra le due sponde, attraverso l’isola, come terzo collegamento, è pazzesca.

Era un’idea anche per CAQ non molto tempo fa, ma hanno rinunciato, citando l’ambiguità del progetto.

L’isola è un patrimonio e metà dei suoi abitanti si ucciderà prima che decidiamo di massacrarne parte. L’altra metà giacerà davanti al primo bulldozer chi farà domanda per questo.

Questo non riguarda il signor Dhaimi, come la sua opposizione alla linea del tram, a questo riguardo.

L’obiettivo è entrare a tutti i costi nell’Assemblea nazionale.

Senza fede o legge, purché ripaga.

Tra di noi

Sono sempre stato ossessionato dall’ambiente politico, sociale ed economico in Germania che ha portato al potere Adolf Hitler.

Per chi fosse interessato, leggere: Come muore la democrazia, la fine della Repubblica di Weimar e l’ascesa di Hitleredito da L’Artilleur.

Usando nuove informazioni declassificate, Benjamin Carter Heit ci fornisce la descrizione cronologica più completa che io conosca di quegli anni, dalla nascita di questa Repubblica di Weimar, con l’ascesa al potere del Cancelliere Hitler.

Mi sono detto che con l’attuale zoo politico, per venire dai nostri vicini americani, forse valeva la pena iniziare a documentare…

Come muore la democrazia?

Come muore la democrazia?

cannoniere

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.