Salute e istruzione: la maggior parte dei canadesi crede che le persone non vaccinate dovrebbero essere licenziate

Un sondaggio dell’Angus Reed Institute ha mostrato lunedì che circa il 70% della popolazione sosterrebbe il licenziamento degli operatori sanitari e dell’istruzione che rifiutano di essere vaccinati.

• Leggi anche: Trasferimenti di anziani a CHSLD: Arruda non è stato consultato dal Ministero

• Leggi anche: Flessibilità che non è unanime

Rispetto ad altre province, il Quebec sarà tra le più riluttanti a punire i lavoratori che rifiutano di essere vaccinati.

Mentre in British Columbia il 76% degli intervistati vuole licenziare gli operatori sanitari non vaccinati, in Quebec la cifra scende al 65%.

Il rapporto afferma che “la maggior parte dei canadesi crede che i lavoratori delle compagnie aeree, gli insegnanti, i soccorritori, gli operatori sanitari, i lavoratori della ristorazione, i lavoratori edili e le persone che lavorano per le piccole imprese dovrebbero perdere il lavoro se si rifiutano di essere vaccinati”.

Alberta, Saskatchewan e Quebec sono le uniche province in cui la maggioranza della popolazione si oppone al licenziamento dei lavoratori edili.

Per quanto riguarda le persone che lavorano in piccole imprese (meno di 10 persone), anche il Quebec è una delle province che si pronuncia contro il loro licenziamento in caso di non vaccinazione. Le altre due province sono Saskatchewan e Manitoba.

Il sondaggio ha anche rilevato che la paura di contrarre il coronavirus è molto più alta tra coloro che sono già stati vaccinati. Il 38% si dichiara ansioso, mentre il 17% si dichiara molto preoccupato.

D’altra parte, l’82% delle persone che non erano state vaccinate ha dichiarato di non essere realmente preoccupato o per niente.

In generale, i canadesi sono combattuti tra il desiderio di fornire dosi del vaccino ai paesi a basso reddito e il desiderio di concentrarsi sull’eliminazione della malattia a casa.

READ  Il primo trapianto di cornea artificiale a Montpellier

Il Quebec è l’unica provincia (52%) dove la maggioranza vuole focalizzare l’attenzione sui paesi meno abbienti.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *