Russia: Nuova multa per il giornalista che si oppone all’attacco in Ucraina

Mosca | La giornalista russa Marina Ovsyannikova, famosa per aver boicottato un quotidiano del canale statale russo con un poster contro l’attacco in Ucraina, è stata condannata lunedì a una nuova multa per aver denunciato il conflitto.

• Leggi anche: Russia: il pericoloso ritorno della giornalista contro la guerra Marina Ovsyannikova

È stata dichiarata colpevole da un tribunale amministrativo di Mosca di aver “diffamato” l’esercito russo.io Ha detto nel suo account su Telegram che Ovsiannikova pagherà una multa di 40mila rubli (circa 650 euro al cambio attuale).

Il suo avvocato, Dmitry Zakvatov, ha detto all’AFP che la giornalista è stata condannata sulla base di un messaggio pubblicato su Facebook.

Era già stata condannata a fine luglio a pagare una multa per lo stesso motivo. Due condanne a meno di sei mesi di distanza l’una dall’altra aprono la strada a un procedimento penale, con potenziali conseguenze legali molto più pesanti.

Mio Ovsiannikova, che rimane molto critica nei confronti dell’attacco in Ucraina nonostante le minacce legali, ha condiviso il testo della sua difesa, tutto ironico, che ha letto lunedì davanti a un giudice.

“Ammetto che è buono […] America ed Europa che ha portato al fatto che in Russia non c’è più alcuna libertà di espressione, un tribunale indipendente o libere elezioni, o che le persone sono incarcerate per aver chiesto la pace”, ha detto in particolare.

Mio Ovsiannikova è diventata famosa a metà marzo dopo essere apparsa nel newsgroup di un canale televisivo pro-Cremlino per il quale ha lavorato. Durante il suo discorso ha portato uno striscione che denunciava l’attacco in Ucraina e la “propaganda” dei media controllati dal potere.

Le immagini del suo gesto hanno fatto il giro del mondo. Molte persone hanno elogiato il suo coraggio, nel contesto della repressione di qualsiasi voce critica nei confronti della Russia.

READ  Vietnam: massacro di cinque scimmie in via di estinzione

Tuttavia, non è unanime all’interno dell’opposizione russa, e alcuni ancora la incolpano per i suoi anni di lavoro per il Pervy Kanal, il portavoce del Cremlino.

Dopo aver lavorato all’estero per diversi mesi, principalmente nel quotidiano tedesco Muori FeltroAll’inizio di luglio ha annunciato di essere tornata in Russia per risolvere una controversia sull’affidamento dei suoi due figli.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.