Russia | Altri media indipendenti hanno dichiarato un “agente straniero”

(Mosca) Sito di notizie russo موقع insider, che collabora privatamente con il gruppo investigativo Bellingcat sull’origine di molte rivelazioni dei servizi segreti russi, è stato dichiarato venerdì “agente straniero”, una legge che potrebbe ostacolare in modo significativo il suo lavoro.


Secondo il Ministero della Giustizia, insider È stato aggiunto all’elenco degli “agenti stranieri” perché l’organizzazione è registrata in Lettonia.

strangolamento finanziario

Ad aprile e maggio, due rinomati media russi – Medusa E il Vtimes – Sono già stati annunciati agenti esteri, che hanno ridotto i loro introiti pubblicitari, che dopo poche settimane hanno causato la chiusura Vtimes.

Molti giornalisti dei media Il progetto, È stato dichiarato “indesiderabile” e de facto bandito dalle autorità la scorsa settimana, ed è stato anche aggiunto venerdì all’elenco degli agenti stranieri pubblicato sul sito del ministero della Giustizia.

insider È stata fondata nel 2013 da Roman Dobrokhotov, un attivista politico di 37 anni che in gioventù ha guidato in particolare il movimento di opposizione “Noi”.

Scoop sull’avvelenamento del Cremlino

Il sito ha pubblicato diverse indagini condotte in collaborazione con il sito investigativo Bellingcat, che hanno portato alla divulgazione dell’avvelenamento dell’ex doppiogiochista Sergei Skripal nel 2018 e dell’avvelenamento di Alexei Navalny nell’agosto 2020, nonché di un assassinio a Berlino. Un georgiano di origine cecena nel 2019, ogni volta accusa le autorità russe.

Immagini di Wikipedia

Fondatoredall’internoRoman Dobrokhotov aveva portato una chitarra e cantato durante una manifestazione a Mosca in difesa del diritto di riunione garantito dalla costituzione russa, il 13 agosto 2009. Fu arrestato dalla polizia.

“La redazione continuerà ad operare nella sua attuale composizione e manterrà la politica editoriale”, ha affermato The Insider in una nota.

READ  Trudeau sostiene l'Australia nel suo confronto contro Facebook

insider I media dell’opposizione hanno affermato: “Agirà come ha fatto”. MBKh Roman Dobrokhotov, spiegando che il sito si trova in Lettonia, non ha sede in Russia e che “tutte queste leggi folli non si applicano a insider».

In Russia, gli “agenti stranieri” di organizzazioni o individui, in conformità con la legge del 2012, devono registrarsi presso le autorità, eseguire noiose procedure amministrative e indicare chiaramente questo stato nelle loro pubblicazioni.

Da quando Vladimir Putin è salito al potere nel 2000, la Russia è stata accusata di aver limitato la libertà di espressione in televisione, ma i media online sono stati a lungo in grado di operare con relativa libertà.

Man mano che i loro lettori sono cresciuti, soprattutto tra le generazioni più giovani, sono stati presi di mira e hanno subito un pasticcio da parte delle autorità dall’inizio dell’anno, in coincidenza con il ritorno dell’avversario Alexei in Russia. dalla sua prigionia.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *