Riunione del G20 a Bali | Pechino e Washington cercano di ridurre la tensione tra di loro

Riunione del G20 a Bali |  Pechino e Washington cercano di ridurre la tensione tra di loro

(Bali) I capi della diplomazia cinese e statunitense, Wang Yi e Anthony Blinken, sabato hanno cercato di allentare la tensione tra i loro due paesi durante un raro incontro sull’isola indonesiana di Bali.

Inserito ieri alle 23:07.

Shawn Tandon
Agenzia media francese

“In una relazione complessa e importante come quella tra Stati Uniti e Cina, ci sono molte cose di cui discutere”, ha affermato Blinken, mentre lui e il signor Wang erano in piedi davanti alle due bandiere. Un americano e un cinese in un hotel di Bali, all’inizio della mattinata di discussioni seguite da un pranzo di lavoro. “Auspichiamo un dialogo fruttuoso e costruttivo”, ha aggiunto.

“La Cina e gli Stati Uniti sono due grandi paesi, quindi è necessario che i due paesi mantengano scambi normali”, ha risposto Wang. “Dobbiamo lavorare insieme per garantire che questa relazione continui a progredire sulla strada giusta”, ha aggiunto, chiedendo “rispetto reciproco”.

L’incontro tra i funzionari, il primo da ottobre, segue un incontro dei ministri degli Esteri del G20 il giorno prima a Bali.

Mentre l’Occidente cerca di isolare la Russia dopo l’invasione dell’Ucraina e l’economia globale soffre di una maggiore incertezza, Cina e Stati Uniti hanno adottato misure precauzionali per evitare che le loro innumerevoli differenze si trasformino in un conflitto incontrollabile.

Il principale diplomatico statunitense per l’Asia orientale ha detto ai giornalisti prima dell’incontro, Daniel Kristenbrink, che gli Stati Uniti avrebbero cercato di “fare tutto ciò che è in loro potere per prevenire qualsiasi errore di calcolo che potrebbe inavvertitamente portare a un conflitto”.

L’incontro tra signori. Wang e Blinken dovrebbero anche prepararsi per un incontro virtuale tra i presidenti Joe Biden e Xi Jinping nelle prossime settimane. Negli ultimi due mesi si sono inoltre tenute riunioni tra gli alti funzionari della difesa, delle finanze e della sicurezza nazionale dei due paesi.

READ  Joe Biden contro Donald Trump: la mummia contro lo scontroso rivincita

Giornale di stato cinese Tempi globaliNoto per le sue critiche agli Stati Uniti, la maggiore interazione tra Pechino e Washington è un segno che “le due parti concordano di evitare l’escalation”.

Ma le tensioni restano alte, soprattutto su Taiwan. Gli Stati Uniti sono preoccupati per la crescente pressione militare di Pechino sull’isola democratica che considera parte inalienabile del suo territorio e che ha promesso di riprendersi un giorno.

linea dura

Joe Biden ha in gran parte mantenuto il nucleo della linea dura del suo predecessore Donald Trump sulla Cina.

Ma in un recente discorso, Biden ha chiarito che gli Stati Uniti non stavano cercando di iniziare una nuova “guerra fredda”, anche se ha sostenuto le sue critiche, inclusa l’accusa di genocidio a Pechino contro il popolo uiguro, la maggior parte dei quali sono musulmani .

L’amministrazione Biden dovrebbe presto allentare alcune delle tariffe di Trump sulle merci cinesi, il che potrebbe frenare l’inflazione, che è diventata un importante ostacolo politico negli Stati Uniti.

Funzionari statunitensi hanno anche espresso un cauto ottimismo sulla posizione della Cina sull’Ucraina, condannando il suo sostegno retorico alla Russia, ma osservando anche che Pechino ha sostenuto le sue parole senza un sostegno materiale alla Russia.

Un funzionario occidentale ha osservato che “ciò che è notevole è la moderazione e la discrezione” con cui la Cina ha gestito la questione ucraina al G-20 di venerdì.

Ma i funzionari statunitensi sono ben consapevoli che qualsiasi piccola luna di miele con la Cina può essere fugace.

Si aspettano che Xi Jinping, il leader più potente della Cina da decenni, riordini la squadra di politica estera al Congresso del Partito Comunista entro la fine dell’anno.

READ  La morte di Jane Birkin: una visita storica al Summer Festival 2018

Ma Craig Singleton, che segue la Cina presso la Foundation for Defense of Democracies con sede a Washington, si aspetta che Xi nominerà ancora una volta tecnocrati che possono lavorare con Washington.

“Il motivo è semplice: l’economia cinese sta affrontando forti venti contrari e i politici cinesi sembrano ansiosi di riconoscere che la retorica aggressiva della Cina si è ritorta contro”, ha affermato.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *