Ritiro dei respiratori | Philips riserva 575 milioni di euro per affrontare la giustizia degli Stati Uniti

Ritiro dei respiratori |  Philips riserva 575 milioni di euro per affrontare la giustizia degli Stati Uniti

(L’Aia) Il produttore olandese di dispositivi medici Philips, che sta lottando dopo che il suo dispositivo per l’apnea notturna è stato richiamato, ha stanziato 575 milioni di euro nel primo trimestre per affrontare cause legali negli Stati Uniti, ha annunciato lunedì.


Tale accantonamento ha contribuito in modo significativo alla perdita netta di 583 milioni di euro registrata dal Gruppo nei primi tre mesi del 2023.

Allo stesso tempo, il fatturato del gruppo è salito del 6% a 4,2 miliardi di euro, con il CEO Roy Jacobs che si è detto “fiducioso” per il 2023 nonostante i “dubbi”.

Philips ha affermato di essere coinvolta in “più azioni collettive e azioni individuali” negli Stati Uniti per fallimenti nella sicurezza dei suoi dispositivi.

Pertanto, Philips Respironics ha assegnato 575 milioni di euro (635 milioni di dollari) “relativi a richieste di risarcimento danni economici”, un “passo importante nella gestione del contenzioso relativo al prelievo di fondi”, ha specificato la band.

L’azienda ha avuto problemi dopo un massiccio richiamo nel 2021 dei suoi dispositivi per l’apnea notturna. Gli utenti rischiavano di inalare o ingerire pezzi di schiuma tossica e fonoassorbente che possono causare irritazione e mal di testa. Poi il gruppo ha indicato anche il rischio “potenziale” di sviluppare il cancro a lungo termine.

Philips ha quindi confermato che, secondo test approfonditi, i dispositivi erano “entro i limiti di sicurezza” e ha consigliato agli utenti di consultare un operatore sanitario per determinare una linea d’azione.

In rosso nel 2022, il gruppo ha annunciato 10.000 tagli di posti di lavoro in tutto il mondo a seguito di questo richiamo.

READ  Italia: l'ascesa del nazionalismo economico

Lunedì, Philips ha annunciato che erano già stati tagliati 5.400 posti di lavoro, con il CEO che ha affermato di essere consapevole che “stiamo chiedendo a molte delle nostre persone di adattarsi ai cambiamenti necessari”.

Secondo il gruppo, oltre il 95% dei nuovi dispositivi sostitutivi e kit di riparazione per dispositivi difettosi sono stati prodotti e la “stragrande maggioranza” di questi dispositivi è stata distribuita ai pazienti.

“La risoluzione dei problemi relativi al richiamo di Philips Respironics rimane la massima priorità del gruppo”, ha affermato il CEO.

Oltre all’azione legale attraverso l’Atlantico, all’inizio di aprile al gruppo è stato ordinato in Italia di accelerare i richiami e le sostituzioni dei suoi dispositivi difettosi.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *