Rimonta convincente per il Canada al Tour de Ski

Tornando al Tour de Ski per la prima volta dal 2019, gli sciatori canadesi hanno fatto sentire la loro presenza.

Antoine Serre è arrivato 4° e 6°, i loro due migliori risultati in Coppa del Mondo, e Katherine Stewart-Jones ha segnato la prima top 10 della sua carriera. Il Tour de Ski si è concluso domenica dopo sette tappe in Svizzera, Germania e Italia.Dal ritiro di Alex Harvey nel 2019, Nordiq Canada non ha inviato una squadra al Tour de Ski. L’organizzazione ha ritenuto che i pattinatori non fossero preparati per una simile sfida. La formazione di quest’anno non è stata eccezionale rispetto alle potenze europee, ma è un passo nella giusta direzione.

Cyr e Stewart-Jones hanno finalmente potuto provare la loro prima sciata quest’anno e non hanno perso l’occasione.

“Abbiamo mostrato loro che hanno fatto una buona scelta”, ha detto Sir. Volevamo dimostrare loro che eravamo al livello perché vogliamo tornare. Sono così felice di aver ottenuto due ottimi risultati al mio primo tentativo. »

L’ultima fase difficile

Compresa una salita di tre chilometri su dieci di gara, l’ultima tappa che si è svolta sempre in Val di Fiemme, come le due precedenti, non è stata facile per Cyr che ci ha messo in guardia, sabato, al termine del suo quarto posto al via del classico blocco di 15 chilometri sarà più complicato.

Il fondista di Gatineau ha chiuso al 36° posto, 2:30.8 dietro al vincitore Simen Hegstad-Kruger della Norvegia ed è sceso dall’ottavo al 16° posto assoluto. Vincitore delle prime sei tappe, il norvegese Johannes Hosflotte Kleibeu è arrivato sesto domenica ma ha vinto il titolo assoluto.

READ  Birmingham City acquisterà da Maxi Lopez

Con un 40° posto nell’ultima tappa, Olivier Levier è arrivato 32° assoluto. Per quanto riguarda le donne, Stewart Jones ha mancato di poco il suo obiettivo di finire la corsa a tappe tra i primi quindici in assoluto. Il suo diciottesimo posto di domenica, a 1 minuto e 51,8 secondi dalla francese Delphine Claudel, che ha siglato la sua prima vittoria in carriera, le è valso un risultato simile nella classifica generale.

Parole gentili a Léveillé

L’allenatore del Pierre Harvey National Training Center, Louis Bouchard, ha elogiato la prestazione di Cyr all’inizio di questa settimana, ma ha anche adorato ciò che ha visto da Léveillé, anche lui alla sua prima discesa a soli 21 anni.

“Olivier non ha ottenuto un punteggio elevato durante il Tour, ma ha mostrato costanza essendo molto vicino ai primi 30”, ha detto. Ha solo 21 anni e sta facendo buoni progressi. Conosco il valore dei nostri uomini e possono competere con l’élite. »

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.