Ricarica rifiuti italiani dov’è?

Nel caso dei rifiuti italiani, il più grande scandalo che la Tunisia abbia conosciuto, c’è qualcosa di nuovo? Una cosa è certa e questo problema ha causato la fuoriuscita di molto inchiostro. Inoltre, come agirà il governo? In altre parole, quando prevede di restituire questi rifiuti come promesso? O sta ancora ricorrendo alla politica degli struzzi? Cioè, non fare nulla …

Il caso è rimasto in attesa per più di cinque mesi. Mentre l’ultima data per la spedizione dei rifiuti italiani nel paese di origine era fissata per il 24 marzo. Lo ha confermato il ministro degli Affari locali e dell’ambiente, Kamal Adoch l’ARP.

Ha detto che le autorità tunisine si stanno coordinando con le autorità italiane. Mentre ha aggiunto che l’azienda che esporta questi rifiuti è soggetta a procedure legali in Italia.

Detto questo, ci si chiede perché ci sia stato così tanto ritardo nella ricarica di questi rifiuti. A tal fine, Adoch ha confermato che la società italiana aveva impugnato la sentenza contro di essa. E quelli che hanno convocato il suo giudizio per riprendersi i contenitori dei rifiuti.

Applicare rigorosamente la legge

Insomma, ci sono trentasei soluzioni che funzionano. La rigorosa applicazione della legge è sufficiente per combattere corruzione. E la fine della cultura dell’impunità che affligge il Paese, soprattutto dal 14 gennaio 2011. Per di più, bisogna ricordare che “la Tunisia non è per l’Italia un bidone della spazzatura a cielo aperto per il trasporto dei suoi rifiuti”..

Ricordiamo che presumibilmente erano coinvolte 23 persone Lo scandalo dei rifiuti si è fermato in Italia. Mentre 12 sono stati arrestati.

READ  Questione italiana dei rifiuti: Yamina Zaghlami si dice sorpresa per il rifiuto del ministero del Commercio del suo coinvolgimento

Come promemoria, il principale sospettato in questo caso è il proprietario dell’azienda importatrice, SOREPLAST, tra gli altri. Quest’ultimo è in fuga da quando è scoppiato lo scandalo. È stato riferito che un mandato di perquisizione è stato emesso contro di lui il 17 novembre 2020.

Nel frattempo, l’infrastruttura tunisina non consente al Paese di superare i propri bisogni. E secondo un recente rapporto della Banca Mondiale, solo il 61% dei rifiuti della capitale viene raccolto.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *