L’ex primo ministro australiano si oppone alla monarchia

(Sydney) L’ex primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha affermato che la speciale intervista televisiva nel Regno Unito con il principe Harry e sua moglie Meghan ha rafforzato la sua argomentazione tagliando i legami costituzionali tra l’Australia e la monarchia britannica.


La stampa canadese

Turnbull ha incontrato la coppia nell’aprile 2018, quattro mesi prima di essere sostituito dal primo ministro in carica Scott Morrison in una lotta per il potere interno.

È chiaramente una famiglia infelice, o almeno Megan e Harry sono infelici. Il signor Turnbull ha detto alla Public Broadcasting Corporation, l’Australian Broadcasting Corporation, che sembrava molto triste.

“Dopo la fine del regno della regina, sarà un buon momento per noi per dire, ‘Bene, abbiamo superato quel punto critico. Lo vogliamo davvero […] Il re o la regina del Regno Unito è automaticamente il nostro capo di stato? ” “, Ha aggiunto.

Il monarca britannico è anche il capo di stato dell’Australia.

Il signor Turnbull è stato uno dei principali attivisti per l’Australia a selezionare un cittadino australiano come capo di stato quando era presidente dell’Australian Republican Movement dal 1993 al 2000.

Un referendum sulla trasformazione dell’Australia in una repubblica è stato respinto nel 1999, nonostante i sondaggi indicassero che la maggior parte degli australiani credeva che il proprio paese dovesse avere un capo di stato australiano.

Molti sostenitori della Repubblica australiana vogliono un sistema americano in cui il presidente sia eletto dal popolo piuttosto che dal parlamento australiano, come proposto nel 1999.

Il primo ministro Morrison non è stato interrogato sull’intervista reale alla conferenza stampa di martedì.

READ  The identity of a 4,200-year-old queen is among the fascinating new discoveries in Egypt

– Associated Press bar

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *