Referendum in Scozia | Si forma un confronto tra Londra ed Edimburgo

(Londra – Edimburgo) È iniziato il confronto tra il governo britannico del governatore Boris Johnson e il primo ministro scozzese indipendente Nicolas Sturgeon, che lo invita a indire un referendum per l’autodeterminazione, sostenuto dalla vittoria del suo partito alle elezioni locali.




Pauline Freissart
France Media

Boris Johnson, che ha l’ultima parola se consentire o meno questo referendum, è decisamente contrario. Se lo Scottish National Party (SNP) di M.io Lo storione sta cercando di legiferare per un referendum, ma se il governo britannico non collabora, la controversia può essere risolta con la giustizia.

M. ha dettoio Sturgeon sulla BBC domenica. E se ciò accadesse, ha avvertito, “significa che un governo conservatore ha rifiutato di rispettare la volontà democratica del popolo scozzese”.

Per Boris Johnson il referendum è “irresponsabile”. Il leader del Partito conservatore ritiene che la priorità sia affrontare la ripresa economica dopo la pandemia di coronavirus che ha ucciso più di 127.000 persone nel Regno Unito e messo in ginocchio il Paese.

M. ha chiamatoio Sturgeon a “lavorare insieme” su “sfide comuni”, invitandola a un incontro con altri capi di governo locale.

Martedì, durante il tradizionale discorso della regina Elisabetta II, che presenterà al Parlamento il programma di politica nazionale del governo, “Andremo oltre per unificare [le pays] Lo ha annunciato il leader del partito conservatore su Twitter.

Sciarpa FOTO OLI, agenzia di stampa francese

Il primo ministro britannico Boris Johnson

“Invece di concentrarci su ciò che ci divide, concentriamoci su ciò che ci unisce”, ha detto domenica in un’intervista a Sky News Michael Gove, il ministro responsabile del coordinamento dell’azione del governo.

READ  Gli avvocati di Donald Trump affrontano la sfida prima del suo processo di impeachment

Scegli il tuo futuro

Nicola Sturgeon è d’accordo su un punto con Boris Johnson: la fine della pandemia è una priorità. Ma domenica ha detto alla BBC che intendeva “dopo la crisi” “dare al popolo scozzese l’opportunità di scegliere il proprio futuro in un referendum”.

Foto Andy Buchanan, Agence France-Presse

Il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon

Tali consultazioni erano già in corso nel 2014. A quel tempo, il 55% degli scozzesi ha scelto di rimanere nel Regno Unito. Sulla base di quest’ultima votazione, Boris Johnson sostiene che un referendum del genere può aver luogo solo “una volta in ogni generazione”.

Tuttavia, l’SNP ritiene che la Brexit abbia cambiato le regole del gioco, con gli scozzesi che si oppongono al 62%. L’obiettivo di SNP è che la Scozia aderisca all’Unione europea come paese indipendente.

Michael Gove ha sostenuto che a differenza delle elezioni locali del 2011 che hanno visto una grande vittoria per i separatisti e hanno portato a un referendum 3 anni dopo, questa volta “lo Scottish National Party non ha ottenuto la maggioranza”.

Allo Scottish National Party mancava già la maggioranza assoluta con un seggio unico, conquistando 64 seggi su 129 al Parlamento scozzese, secondo i risultati finali annunciati sabato, due giorni dopo le elezioni. Tuttavia, potrebbe allearsi con il Partito dei Verdi, anche a favore della secessione dal Regno Unito, che ha ottenuto otto seggi.

Il leader del partito conservatore scozzese Douglas Ross, il cui partito ha eletto 31 parlamentari, si è congratulato su Twitter per “avergli impedito di ottenere la maggioranza del SNP”.

Per l’esperto elettorale John Curtis, “una delle ragioni per cui” l’obiettivo dei separatisti è fallito “è che gli elettori conservatori e laburisti, preoccupati per il futuro del Regno Unito, hanno dimostrato la loro disponibilità a votare tatticamente per cercare di impedire al Partito nazionale scozzese indipendente di vincere sul piano . ”

READ  Lo stupore dei seguaci di Qunun

Per questo professore, “le elezioni hanno rivelato fino a che punto la Scozia è politicamente divisa”, ha spiegato alla BBC.

Tuttavia, l’SNP potrebbe allearsi con i Verdi, nonché a favore della secessione dal Regno Unito, che ha vinto otto seggi.

Questo ci dà due partiti in Parlamento che sostengono l’indipendenza, il che considererà questo risultato un mandato per un altro referendum. Lynn Benny del Dipartimento di Politica e Relazioni Internazionali dell’Università di Aberdeen ha detto all’AFP.

Il problema è che il governo conservatore di Westminster rifiuterà a breve termine. Quindi abbiamo questo dibattito sulla richiesta di un referendum democratico, ma questa posizione legale che impedisce il referendum perché alla fine spetta al governo britannico concederlo “, ha aggiunto Lyn Benny,” È molto difficile ”prevedere come questo potrebbe essere risolto.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *