Questo animale è tornato in vita e si è riprodotto con successo dopo 24.000 anni nel permafrost della Siberia

È un piccolo miracolo che è appena successo in Russia! Infatti un animale microscopico, un animale microscopico, è tornato in vita dopo essere stato congelato per 24.000 anni in Siberia.

Credito: Michael Peluca/AFP

Il merito di questa straordinaria scoperta va a un team di scienziati russi. Il 7 giugno 2021 hanno pubblicato un articolo sull’argomento sulla prestigiosa rivista Current Biology su ciò che hanno osservato.

Il minimo che si possa dire è che l’analisi dell’animale pluricellulare, ancora in vita, solleva molti interrogativi sui meccanismi utilizzati per resistere a un periodo di riposo così lungo.

Per mettere le mani sull’animale bloccato nel ghiaccio, la squadra Scienziati Utilizzare una perforatrice per recuperare i lunghi cilindri chiamati “core”. I campioni sono stati prelevati nel fiume Alize nell’Artico russo.

Ritorno in vita reso possibile dalla crittografia

Una volta tornati in laboratorio, i ricercatori sono stati in grado di stabilire l’età dei rotiferi bdelloid utilizzando la datazione al radiocarbonio. Dopo l’analisi, è stato stabilito che l’età di quest’ultimo era di circa 24.000 anni, e più precisamente tra 23.960 e 24.485 anni.

E nonostante la sua impressionante durata, resa possibile dalla crittografia, l’animale microscopico è stato in grado di riprendere la sua vita normale dopo lo scongelamento. Soprattutto, è stato in grado di riprodursi da solo usando la partenogenesi.

È un metodo riproduttivo monoparentale indipendente da qualsiasi attività sessuale che consente all’individuo di svilupparsi da un uovo non fecondato. Se questi fenomeni sono già stati osservati nel verme nematode o in alcune alghe e piante, questa è la prima volta che vengono osservati con il rotifero bdelloide.

READ  Perché alcune app Android si bloccano e come risolverle

Credito: Michael Peluca/AFP

Il nostro rapporto è la prova più forte fino ad oggi che gli animali multicellulari possono sopportare decine di migliaia di anni in uno stato cieco, uno stato in cui il metabolismo è quasi completamente interrotto. (…) Possiamo usare questo organismo come modello per studiare la sopravvivenza al congelamento e alla siccità in questo gruppo e confrontarlo con altri animali resistenti come tardigradi, nematodi, ecc. “ Stas Malavin, ricercatore presso l’Istituto di problemi fisici, chimici e biologici del suolo di Pochino, ha dichiarato:Russia) e ha co-scritto l’articolo scientifico con i nostri colleghi dell’Agence France-Presse.

La straordinaria storia di questo animale microscopico dimostra che alcuni organismi pluricellulari sono in grado di sopravvivere quasi indefinitamente grazie al congelamento. Favoloso, vero?

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *