Quando l’arte arriva in casa di cura, a Margaret, Geneva, Francoise, Pierre …

La sala da pranzo del Corian Champ de Mars (Parigi, XV secolo). Cinque pensionati di questo Ehpad – il sesto si unirà a loro – e il loro leader ha un appuntamento alle 11:00 di questo venerdì. Ovviamente in videoconferenza. L’host Lhadi prende il controllo dei controlli del laptop insieme a un grande schermo TV rialzato. L’immagine si accende e il sorriso di Antoine, volontario della Fondazione Art Explora, che lavora per ridurre il “divario culturale”, appare nelle case di cura e altrove. Una partnership ingegneristica mutevole: a Bordeaux, un pensionato entusiasta ha diritto a incontri faccia a faccia con un docente, mentre a Corian Monceau a Parigi, circa quindici persone regolari partecipano a questi scambi.

Qui, seduti di fronte allo schermo, ci sono Margaret e Francoise, i più loquaci. Genevieve, più silenziosa. Pierre, “molto umile”, dice Lahdi, che racconterà i suoi viaggi in giro per il mondo, mentre lavora per Mines de Potasses d’Alsace e coglierà l’occasione per scoprire le bellezze ei musei del pianeta. Una o due donne sono arrivate discretamente lungo la strada e uno dei membri del personale ha spinto la sedia.

Sullo schermo è esposto un intero dipinto: La pelle di Cristo di Piero della Francesca, prima prospettiva italiana e genio del Rinascimento, prima ancora di Leonardo da Vinci. Il nome in codice per questa operazione, creato dalla Fondazione: “Allo Miro”. Il volontario sceglie un lavoro da condividere. Antoine è appassionato, ma non è uno storico dell’arte. Inoltre, il direttore degli affari della moda e della gastronomia, come spiega ai suoi fan, dà la sua lingua di gatto quando Françoise gli chiede in quale città è esposto il dipinto in Italia. Dopo lo scambio ci dirà che era la sua terza lettura e che ama “le scintille che si accendono in un istante”.

READ  Epic Games announces its new headquarters at Cary Towne Center :: WRAL.com

Un pubblico molto silenzioso e attento

Dopo alcuni problemi tecnici, inizia la discussione. L’idea è parlare di disegno … e di vita. “Qualcuno è andato in Italia?” Chiede Antoine. “Sono andato a Roma, sì, in viaggio d’affari. Pierre ricorda che è stato … molto tempo fa. Margaret dice:” Mia madre era italiana, allora … “La conservazione prende vita per sempre tra Antoine e il suo pubblico, che scuote la testa con “Sì” ripetutamente con attenzione, a volte con un’osservazione: “Ebbene, il tavolo è fatto matematicamente, così Leonardo? “

Piero della Francesca aveva lo stesso genio scientifico della composizione. Francoise, che in gioventù ha studiato alla Scuola del Louvre, ha notato una piccola statua su un palo. “Non so come interpretarlo”, ammette Antoine. “Ah”, intervallato dalla vecchia signora specializzata in simboli copti. “Mi sento così giovane e così umile”, sorride il portavoce amatoriale. I pensionati silenziosi e molto attenti spesso vogliono vederlo dietro il suo schermo. E velocemente.

“Ma soprattutto per non parlarci di Caravaggio,” licenziò Francoise, senza capire l’origine del suo disgusto per il pittore delle pianure romane. L’abile facilitatore Antoine porta la conversazione sul campo del miglior gelato da degustare nella capitale italiana. Era proprio l’ora di mangiare.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *