Proteste negli Stati Uniti per difendere il diritto all’aborto

(Washington) “Lascia stare il mio corpo”: decine di migliaia di donne sono scese in piazza sabato in America per difendere il diritto all’aborto, e sono state prese di mira da un attacco conservatore senza precedenti negli Stati Uniti.




Charlotte Plantiv e Maria Danilov
Agenzia di media Francia

“Le donne sono esseri umani a pieno titolo e dovremmo essere trattate come tali. Dovremmo essere in grado di decidere cosa vogliamo fare con i nostri corpi, punto”, ha licenziato Laura Buchowitz, 66 anni, un’insegnante in pensione che è venuta a manifestare a Washington a questa nuova edizione della Marcia delle Donne.

“Sono stanco di sentirmi dire cosa posso e non posso fare […] Hai sentito, Corte Suprema? ‘, è esploso.

Ci sono state poche proteste finora da quando è entrato in vigore il 1egli è Settembre, per una legge texana che vietava quasi tutti gli aborti in questo vasto stato e che scatenava una vera e propria guerra tra bande giudiziarie e un contrattacco congressuale.

Foto di Go Nakamura, Reuters

Protesta a Houston, Texas

Ma due giorni prima della ripresa delle udienze presso la Corte Suprema degli Stati Uniti, che sarà l’arbitro della lotta, quasi 200 organizzazioni hanno finalmente invitato i sostenitori dei diritti all’aborto ad ascoltarli in tutto il paese.

L’evento principale si è tenuto a Washington, dove si sono radunate quasi 10.000 persone, e i manifestanti hanno portato striscioni “Prenditi cura del tuo grembo” o “legalizza l’aborto” per marciare alla Corte Suprema, che, quasi 50 anni dopo aver riconosciuto il diritto delle donne americane a abortire, Nel suo mentore Roe v. Wade, sembra pronto per innestare la retromarcia.

Foto di Evelyn Hochstein, Reuters

Protesta ad Austin, Texas

Alla Corte Suprema, i manifestanti si sono incontrati con una contro-manifestazione. Una serie di poliziotti antisommossa ha tenuto a bada i due gruppi.

READ  Sanzioni USA | "Ci saranno altri a meno che non ci sia un cambiamento importante a Cuba".

La giurisdizione, che l’ex presidente Donald Trump ha profondamente riformato (2017-2021), ha rifiutato di intervenire con urgenza per bloccare la legge del Texas e potrebbe approfittare di una revisione della legge restrittiva del Mississippi per influenzare la sua giurisprudenza.

Incontri si sono tenuti anche nelle capitali di questi due stati conservatori, Austin e Jackson, così come a New York e in più di 600 città del paese.

I regolatori hanno scritto in una dichiarazione chiedendo al Congresso di sancire il diritto all’aborto nella legge federale, al fine di proteggerlo dalla possibilità di aborto. Invertire la Corte Suprema.

Un disegno di legge in tal senso è stato adottato una settimana fa alla Camera dei rappresentanti, nelle mani dei democratici, ma non ha possibilità di successo al Senato, dove i repubblicani hanno una minoranza in stallo.

“Desiderio paterno”

Nel 2017 il primo raduno delle donne è stato organizzato subito dopo l’insediamento di Donald Trump e ha raccolto milioni di oppositrici del miliardario repubblicano accusato di sessismo.

Le edizioni successive ebbero meno successo, in parte a causa di disaccordi interni sulle accuse di antisemitismo contro un funzionario dell’organizzazione.

Questa pagina sembra essere stata voltata: “Quest’anno ci uniamo”, assicura l’organizzazione, che comprende una grande coalizione di piccole femministe, locali o comunitarie, come gigante della pianificazione familiare per Planned Parenthood.

“Scenderemo in piazza per la prima volta nell’era Biden, perché il cambiamento nello Studio Ovale non ha posto fine al desiderio politicizzato, pervertito e patriarcale di controllare i nostri corpi”, aggiunge. Un riferimento all’elezione del democratico Joe Biden nel 2020 alla Casa Bianca, che non ha cambiato le dinamiche a livello statale.

READ  La navetta cinese Shenzhou-12 è attraccata alla sua stazione spaziale

Al contrario, spinti dall’ingresso di tre giudici scelti da Donald Trump alla Corte Suprema, i funzionari locali conservatori eletti hanno intrapreso un vero e proprio assalto contro l’aborto: 1egli è A gennaio, 19 stati hanno approvato 63 leggi che limitano l’accesso all’interruzione volontaria della gravidanza.

Se il tribunale dovesse escludere il Roe v. Wade, ogni stato sarebbe libero di vietare o consentire l’aborto; 36 milioni di donne in 26 stati, o quasi la metà delle donne americane in età fertile, rischiano di perdere il diritto all’aborto, secondo un rapporto di Planned Parenthood pubblicato venerdì.

Il presidente di Planned Parenthood, Alexis McGill Johnson, ha raccontato ai manifestanti a Washington la storia di una donna del Texas che ha dovuto percorrere più di 1.600 miglia per abortire, da sola, perché temeva che chiunque l’avesse aiutata sarebbe stato perseguito.

“Non importa dove ti trovi, questa battaglia è a portata di mano oggi”, ha detto. “Questo è un momento buio, ma siamo qui per questo”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *