Progetto di riforma elettorale democratica | Profonde divisioni al Senato dopo che i repubblicani si rifiutano di aprire il dibattito

(Washington) I repubblicani hanno bloccato martedì un progetto di riforma elettorale democratica al Senato degli Stati Uniti, esponendo profonde divisioni su questioni critiche per la democrazia: diritto di voto e diverse modalità di accesso alle urne, al centro di polemiche sull’esito delle presidenziali elezioni di Donald Trump.




Elodie Cuisine
Agenzia di media Francia

La massiccia riforma elettorale proposta dai Democratici, in particolare, prevede di ampliare le possibilità di registrazione nelle liste elettorali, anche il giorno delle elezioni, per richiedere agli Stati di consentire il voto anticipato e per chiedere maggiore trasparenza sul finanziamento della campagna elettorale, oltre che dal presidente. Gli Stati Uniti, costringendolo a rivelare le sue dichiarazioni dei redditi.

Dopo le trattative con l’unico senatore democratico che si è opposto ad alcuni punti del testo, il governatore Joe Manchin, il testo afferma anche che gli elettori sono obbligati a fornire un documento di identità. Questa misura è stata giudicata da alcuni discriminatoria, in un paese in cui le carte d’identità non sono obbligatorie.

È stato un semplice voto procedurale, ma carico di simbolismo, che ha messo in luce queste divisioni.

Un “colpo di potere”?

Tutti i repubblicani presenti al Circuito si sono opposti all’avvio di dibattiti sull’ampio progetto democratico di riforma elettorale e, almeno per il momento, hanno mandato nel dimenticatoio questo testo.

“colpo di stato” democratico per prendere il potere o baluardo per combattere il tentativo repubblicano “coordinato” di restringere il diritto di voto?

I due leader del Senato martedì hanno riconsiderato la loro visione di questo disegno di legge, introdotto in un Paese ancora scosso dall’attacco mortale a Capitol Hill da parte dei sostenitori di Donald Trump che, come lui, hanno negato la vittoria di Joe Biden.

READ  Tempesta Elsa: New York allagata in alcuni punti

Il nuovo presidente degli Stati Uniti ha sostenuto questo progetto, che secondo lui è necessario per contrastare attacchi “assolutamente senza precedenti” contro il diritto di voto delle minoranze.

“Sfortunatamente, un’iniziativa democratica per proteggere la nostra democrazia ha affrontato un muro di opposizione repubblicana”, ha detto Joe Biden in una dichiarazione martedì sera, aggiungendo che “la lotta [était] Lungi dall’essere finito”.

La Casa Bianca ha insistito oggi in una dichiarazione che “la democrazia è a rischio qui in America”.

Un altro segno dell’importanza che l’amministrazione Biden ha attribuito a questa iniziativa è stato il vicepresidente Kamala Harris che ha presieduto il voto.

“La grande bugia di Donald Trump si è diffusa come un cancro” tra i repubblicani, aveva in precedenza scioccato la circolazione del leader del senatore democratico Chuck Schumer.

Questa “bugia”, le molteplici accuse di brogli elettorali che l’ex presidente repubblicano ha rivolto alle elezioni presidenziali del 2020.

A seguito della pandemia, sono state quindi approvate più alternative alla presentazione delle schede elettorali: voto anticipato, per posta, con scadenze talvolta prorogate o urne accessibili per strada.

elezioni “truccate”

Tutte le accuse di frode sono state ampiamente respinte, anche da giudici nominati durante l’amministrazione Trump.

Ma cinque mesi dopo aver lasciato la Casa Bianca, il miliardario non ha riconosciuto apertamente la vittoria di Joe Biden. “Le elezioni presidenziali del 2020 sono state truccate!” ha scritto di nuovo martedì.

Per evitare che queste presunte frodi si ripetano, dicono, una quindicina di stati a guida repubblicana hanno emanato leggi elettorali restrittive dall’inizio dell’anno. Sono state presentate circa 400 fatture.

READ  L'attaccante del Campidoglio soffriva di malattie mentali

Secondo Chuck Schumer, questa è “la più grande iniziativa per limitare il voto in almeno 80 anni” durante l’era dell’apartheid.

Per quanto riguarda il leader repubblicano del Senato Mitch McConnell, il disegno di legge di riforma è un “tentativo” dei democratici “di far pendere per sempre tutte le elezioni statunitensi a loro favore”. “Un’acquisizione federale delle elezioni sta dividendo”, ha aggiunto Mitt Romney.

McConnell denunciò anche quelli tra i Democratici, chiedendo che la norma che richiedeva la soppressione di 60 voti per scavalcare i voti procedurali, prima che il voto finale potesse essere raggiunto da una maggioranza semplice (51).

Un’opzione che rimane altamente improbabile fino ad oggi, poiché anche molti democratici si oppongono.

Senza rivelare come sperava di superare l’opposizione repubblicana, dopo il fallimento del voto, Chuck Schumer ha giurato di “esaminare tutte” le strade che avrebbero permesso di raggiungere un voto sull’argomento.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *