Portare i deportati nordcoreani dalla Malesia alla giustizia americana

Un nordcoreano, la cui estradizione da parte della Malaysia ha interrotto i rapporti diplomatici tra Pyongyang e Kuala Lumpur, è stato assicurato per la prima volta alla giustizia degli Stati Uniti lunedì.

Moon Chul Myung, 55 anni, è comparso in un tribunale federale di Washington, dove è stato formalmente notificato di sei accuse, tra cui riciclaggio di denaro sporco organizzato da gang, secondo una dichiarazione del Dipartimento di Giustizia.

È sospettato di utilizzare società di comodo e aprire conti con pseudonimi per importare beni di lusso nella Corea del Nord, in violazione delle sanzioni statunitensi.

Secondo l’accusa, ha lavorato con soci ed era collegato al servizio di intelligence nordcoreano. I loro sforzi sono durati tra il 2013 e il 2018 e si sono concentrati su $ 1,5 milioni di transazioni.

Le autorità non hanno menzionato le merci che aveva esportato illegalmente in Corea del Nord. Altri casi in passato hanno rivelato esportazioni di alcolici, orologi e altri beni di lusso.

Il signor Moon è stato arrestato nel maggio 2019 in Malesia, dove aveva vissuto per circa dieci anni, ed è stato estradato il 17 marzo negli Stati Uniti.

Nella sua dichiarazione, il governo degli Stati Uniti ha affermato che questa è la prima volta che un cittadino nordcoreano viene estradato negli Stati Uniti.

“Una delle principali difficoltà incontrate dai servizi di controspionaggio dell’FBI è quella di portare gli accusati che lavorano dall’estero negli Stati Uniti, soprattutto nel caso della Corea del Nord”, ha detto un funzionario di polizia. L’estradizione “è la prima di una lunga serie”.

In preparazione al passaggio di consegne di un “crimine imperdonabile”, la Corea del Nord, al contrario, ha interrotto tutti i rapporti con la Malaysia, accusandola di agire “in schiavitù di fronte alle pressioni americane”.

READ  Il maggiore, il chiassoso cane di Biden, torna a scuola

Il governo malese ha difeso l’estradizione, spiegando che è stata eseguita solo dopo che tutti gli appelli della persona erano stati esauriti.

La Malesia è stata a lungo uno degli unici alleati della Corea del Nord ed è isolata a causa del suo programma nucleare. Le relazioni tra loro sono diventate tese dopo l’assassinio del fratellastro del leader, Kim Jong Un, a Kuala Lumpur nel 2017.

Kim Jong Nam, un critico del regime, è morto dopo aver contratto un agente nervino sul viso. La Corea del Sud ha incolpato l’assassinio in gran parte a Pyongyang, che lo ha negato.

Le relazioni sono gradualmente migliorate, poiché la Malaysia ha deciso di riaprire la sua ambasciata a Pyongyang. Ma il passaggio di consegne del signor Moon ha posto fine a questo riscaldamento globale.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *