Pirelli è in una zona conosciuta come Ypres

In questo caso, ogni concorrente può utilizzare un massimo di 26 pneumatici su un totale di 26 pneumatici morbidi, 26 duri e 12 da bagnato. Una gomma morbida si adatta a una buona varietà di condizioni e sarebbe la scelta solitamente preferita dai concorrenti se le strade non fossero principalmente asciutte e calde, o al contrario molto umide.

“Ypres potrebbe essere una nuova sfida per il WRC, ma lo conosciamo bene perché è uno dei raduni più popolari ed impegnativi in ​​Europa. Oltre alle numerose trincee e pali del telegrafo che fiancheggiano la pista, la sfida più grande per gli equipaggi è la quantità di sporco che si accumula sulla strada. Ad ogni passaggio di auto, rendendo la superficie molto scivolosa in alcuni punti.Per questo motivo, i nostri pneumatici in gomma morbida P Zero sono la scelta primaria, ma il tempo nella zona è sempre difficile da prevedere, e gli pneumatici in gomma dura o completamente bagnati possono essere sottoposti a forti sollecitazioni.

Attendiamo anche con impazienza l’ultimo giorno a Spa-Francorchamps, che cade due settimane dopo la 24 Ore di Spa – il più grande evento motoristico Pirelli dell’anno – e due settimane prima del Gran Premio del Belgio. Se il tempo è asciutto, il grip disponibile sulla superficie della pista di Spa sarà molto migliore rispetto al resto del tracciato, il che potrebbe dare ai team uno spunto di riflessione prima della decisiva power stage. “ sospeso Terenzio Testoni, direttore attività rally Pirelli.

READ  Verratti è pronto a tornare in campo con l'Italia

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *