Piano di finanziamento UE in Italia soggetto a modifiche

Il partito di Meloni, la più numerosa della coalizione di centrodestra, è sulla buona strada per vincere le elezioni nazionali del 25 settembre.

Si teme che il nuovo governo possa eludere alcune delle riforme necessarie per garantire all’Italia l’accesso a circa 200 miliardi di euro (199 miliardi di dollari) di fondi dell’UE per il suo piano di ripresa e resilienza postbellico (PNRR).

“Non è una moda passeggera dire che il record PNR, che è stato scritto prima della situazione attuale, non può essere modificato. È scritto nelle regole del PNR”, ha affermato la Meloni durante la Conferenza Ambrositi Forum Affairs.

Ha osservato che una piccola parte del denaro potrebbe essere trasferita a sostegno di misure come la separazione dei prezzi dell’elettricità e del gas a livello locale per aiutare i consumatori italiani.

Matteo Salvini, leader della Lega che è anche membro della coalizione di centrodestra, ha affermato che ora è necessario intervenire per aiutare le imprese e le famiglie italiane.

“Il problema è ora. La vita ora, la sopravvivenza ora”, ha detto nello stesso incontro nel nord Italia.

“Ottobre è in ritardo, novembre è in ritardo”, ha aggiunto, sottolineando che l’Italia dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di copiare un pacchetto da 65 miliardi di euro approvato domenica dalla Germania.

(1 dollaro = 1.0049 euro)

READ  L'Italia non ha bisogno del piano Ue per tagliare il gas del 15% - Italgas

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.