pericolo di silenzio

Se c’è un argomento che trascende le elezioni in tutte le democrazie, è l’immigrazione. Questo argomento è ancora più importante perché le democrazie stanno vivendo da diversi decenni un forte calo del tasso di natalità.

Il malcontento degli italiani per le politiche di immigrazione è in gran parte ciò che spiega l’ascesa dei Fratelli d’Italia, che promettono soluzioni radicali. L’Italia, il cui tasso di natalità è uno dei peggiori al mondo.

In Francia, il Fronte Nazionale è alimentato dalla lotta all’immigrazione. L’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea dipende in gran parte dal rifiuto delle politiche di immigrazione dell’UE. Le recenti elezioni in Svezia hanno portato al potere anche un partito anti-immigrazione. Negli Stati Uniti, l’immigrazione è uno dei cavalli dilettanti preferiti dai repubblicani.

Immigrazione e religione

Dietro il tema dell’immigrazione si nasconde un altro tema in Europa che i politici affrontano con umiltà: la religione, e l’Islam in particolare.

La forte religiosità di molti immigrati contrasta con il cristianesimo fondamentalista di parte della popolazione locale e la debole religiosità di altri cittadini.

In un mondo ideale, tutti potrebbero e dovrebbero vivere in buone condizioni. Ma la religione interferisce nella politica, specialmente su questioni di attualità come l’aborto o la moralità sessuale.

Per i fondamentalisti religiosi, interferisce con le stesse istituzioni democratiche, perché mettono le decisioni dei leader religiosi al di sopra di quelle dei funzionari eletti.

Il risultato finale è che in molte democrazie partiti di estrema destra, con l’appoggio dei fondamentalisti religiosi cristiani, propongono politiche anti-immigrazione e prenatali.

Silenzio in mezzo e a sinistra

Una delle caratteristiche più sorprendenti delle democrazie è che i partiti di centro e di sinistra tendono a tacere su questioni di immigrazione e religione.

READ  Come pensa un fan di Trump al 2022

Quando François Legault si rifiuta di commentare l’immigrazione, sostenendo che l’argomento è “troppo delicato”, segue la marea in cui immerge la maggior parte dei leader nelle democrazie. In tal modo, rafforza l’estrema destra di Eric Dohemy.

Paul Saint-Pierre Plamondon non ha paura di affrontare questo tema che lo contraddistingue tra i moderati.

Evitando questi argomenti, le fila dei partiti estremisti si ingrossano mentre i cittadini diventano sempre più ansiosi.

In Quebec, l’immigrazione va oltre il problema della sopravvivenza dei francesi. Come altrove, influisce sul posto della religione nella società di domani e sui valori in base ai quali vivranno le società.

Influisce anche sull’andamento dell’economia dopo decenni di bassi tassi di natalità.

Scuote le fondamenta della democrazia.

Sfortunatamente, il crescente multiculturalismo ci impedisce di discutere questi temi con calma. Per non parlare di alcune femministe che immaginano che parlare di natalità significhi rendere schiave le donne. Allo stesso modo, molte lobby religiose stanno sfruttando l’immigrazione per rafforzarsi.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.