Perché sempre più persone rifiutano la scienza?

– Stream/Shutterstock.com

Nonostante le prove e le prove che costituiscono le basi della scienza, ci sono ancora troppi scettici contro di essa. Sarebbe quindi interessante capire scientificamente perché così tante persone rifiutano la scienza in un momento in cui sembra essere la base di tutto.

I quattro fondamenti delle convinzioni anti-scienza

Dalla negazione del vaccino alla negazione del cambiamento climatico, le opinioni anti-scienza minacciano l’umanità. Tuttavia, il rifiuto della scienza sta diventando un fenomeno sempre più comune, e questo è particolarmente esacerbato dall’influenza di alcune politiche e società moderne. Ma l’influenza degli altri non può spiegare un tale rifiuto dell’ovvio. Per comprendere meglio questo fenomeno, i ricercatori della Ohio State University hanno cercato di scoprire i principali fattori che spiegano il rifiuto della scienza.

Secondo i risultati dello studio pubblicato sulla rivista PNASCi sono quattro fattori che spiegano il recente aumento di atteggiamenti e convinzioni anti-scienza. La prima base per la convinzione anti-scienza è l’idea che le fonti scientifiche mancano di credibilità. In questo caso, il problema sta nel livello di fiducia delle persone nelle istituzioni scientifiche. Poi c’è l’identificazione con gruppi che adottano posizioni anti-scientifiche. In quest’area, la polarizzazione politica e religiosa su Internet ha avuto un impatto significativo.

C’è anche il fatto che ci sono informazioni scientifiche che contraddicono le proprie convinzioni, come è avvenuto per molto tempo con la teoria dell’evoluzione. Infine, c’è una disconnessione tra come viene presentato il messaggio e come la persona pensa. In altre parole, ciò significa che l’informazione scientifica non tiene necessariamente conto di tutte le modalità di ragionamento, e quindi non è presentata in modo comprensibile da tutti.

Siero
– Marina Dmedyuk / Shutterstock.com

Un problema colpito anche dai social e dalla politica

Ciò che questi quattro fondamenti hanno in comune è che rivelano cosa succede quando l’informazione scientifica è in conflitto con ciò che le persone credono o pensano effettivamente. Richard Petty, coautore dello studio, ha dichiarato: dichiarazione. ” Questo tipo di conflitto è difficile da gestire per le persone ed è facile per loro rifiutare informazioni scientifiche che non corrispondono realmente a ciò che pensano. Naturalmente, questi quattro fattori da soli non spiegano perché negli ultimi anni ci sia stato un tale aumento del fenomeno anti-scienza.

READ  Disagio vagale: le prime reazioni che dovrebbero verificarsi

Secondo i ricercatori, l’emergere dei social network e l’enorme volume di disinformazione su queste piattaforme ha avuto un impatto significativo sull’argomento. Anche la crescente importanza dell’ideologia politica nel mondo moderno ha avuto un impatto ancora maggiore. Infatti, anche se la politica è sempre esistita, non è stata onnipresente nella vita quotidiana delle persone. ” Oggi, la politica è fondamentale per l’identità di un individuo e l’ideologia influenza il modo in cui una persona interagisce con le prove scientifiche che sono state politicizzate, come il cambiamento climatico. Aviva Philip Muller, autore principale dello studio, ha spiegato.

Fortunatamente, non tutti questi problemi sono irreversibili e i ricercatori ritengono che ci siano modi che possono aiutare a invertire le tendenze antiscientifiche. Per farlo, spetterà agli scienziati, e in particolare alle persone a favore della scienza, mostrare resilienza e trovare modi migliori per diffondere e comprendere la scienza. L’apprendimento della psicologia e della comunicazione sarà una risorsa preziosa in questo senso.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.