Perché puoi ancora essere cosciente sotto anestesia

Di base

  • Per comprendere meglio gli effetti dell’anestesia generale sul cervello e per determinare se c’è uno stato di coscienza durante questa procedura, i ricercatori hanno misurato l’attività cerebrale per due segni durante molti stati di coscienza.
  • Ils ont alors constaté que cet état de conscience n’est pas detectorable in le lobe préfrontal, più plutôt dans les zone cérébrales profondes, et que ce sont la complexité des ondes cérébrales ou uncientized No.

Può essere un incubo per molti pazienti che stanno per entrare in sala operatoria: svegliarsi durante la procedura, quando lo sono Dovresti dormire grazie a un’anestesia generale.

Per alcuni, succede. Secondo i dati disponibili, un paziente su 19.000 che ha subito un intervento chirurgico riprende conoscenza durante l’anestesia generale.

Un fenomeno estremamente raro e un mistero medico la cui risposta potrebbe risiedere … nell’attività cerebrale. In uno studio pubblicato sulla rivista Cell Systems, i ricercatori dell’Università del Wisconsin-Madison (USA) spiegano di essere riusciti a identificare le parti del cervello coinvolte. Questo recupero di coscienza durante le procedure mediche.

“Ciò che è apparso un centinaio di anni fa in uno stato inconscio come il sonno sono queste onde lente di attività elettrica nel cervello”.Yuri Saalmann, che ha guidato l’azienda e che ci crede, spiega “Questi potrebbero non essere i segnali corretti per sfruttarlo”.. “In un certo numero di casi – con diversi anestetici, in persone che sono in coma, danni cerebrali o altre condizioni cliniche – potrebbe esserci anche attività ad alta frequenza”.

Concentrati sulle regioni più profonde del cervello

Per scoprirlo, i ricercatori hanno seguito due scimmie che hanno registrato l’attività cerebrale durante diversi stati di coscienza: in anestesia medica, nel sonno leggero, nello stato di veglia a riposo e nel risveglio dall’anestesia in uno stato di veglia mediante stimolazione elettrica. Un punto nel profondo del cervello.

READ  Perché non hai mai visto uccelli mangiare vermi sul marciapiede? | scienza | notizie | il Sole

Quindi hanno raccolto dati in diverse aree del cervello e in diversi stati di coscienza, il che ha permesso loro di integrare tutti i segni tradizionalmente associati alla coscienza, inclusa la velocità o la lentezza dei ritmi cerebrali nelle diverse regioni del cervello. Misure aritmetiche che descrivono la complessità dei segnali e il modo in cui i segnali interagiscono in diverse regioni.

Per determinare se le scimmie sono coscienti o meno, i ricercatori hanno utilizzato l’apprendimento automatico. Quindi hanno inviato il loro ampio set di dati a un computer, gli hanno parlato dello stato di coscienza che ha prodotto ogni modello di attività cerebrale e hanno chiesto quali aree del cervello e gli schemi di attività elettrica si adattano meglio alla coscienza.

I risultati hanno mostrato che la corteccia prefrontale non era interessata, sebbene fino ad ora fosse considerata la parte del cervello che aveva maggiori probabilità di esibire le lente onde di attività tipiche della perdita di coscienza.

“Nelle cliniche, gli elettrodi vengono posizionati sulla fronte del paziente. Mohsen Afrasiabi, l’altro autore principale dello studio, ricorda. Suggeriamo che la parte posteriore della testa sia una posizione più importante per questi elettrodi, perché abbiamo imparato che la parte posteriore del cervello e le regioni profonde del cervello sono più predittive della coscienza rispetto alla fronte “.

La complessità delle onde cerebrali, che rivela lo stato di coscienza

I risultati hanno anche mostrato che, più che l’attività ripetitiva alta e bassa, è la complessità delle onde cerebrali che indica meglio se una persona è cosciente o meno. “La trasmissione di più informazioni richiede una maggiore complessità, motivo per cui è correlata alla coscienza, Michael Redenbo, anche lui coinvolto nello studio, spiega. Sebbene queste importanti aree del cervello siano meno complesse, non possono trasmettere molte informazioni. Sei in presenza di un cervello inconscio. “

I ricercatori ora sperano di effettuare misurazioni più accurate Di pazienti che sono sotto anestesia. L’obiettivo finale sarà aiutare le persone con ridotta consapevolezza. “Possiamo usare ciò che abbiamo imparato per migliorare i modelli elettrici attraverso una sottile stimolazione del cervello e aiutare le persone, ad esempio, in coma a mantenere un livello continuo di coscienza”.


READ  Mostra "La scienza al servizio del patrimonio" alla Biblioteca Landévennec - Landévennec
Ce sujet vous intéresse ? Venez en discuter sur notre forum !
-->

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *