Sei Nazioni: monta il malcontento contro la presenza dell’Italia – 6 Nazioni

La domanda si pone regolarmente e le nuove sconfitte del XV d’Italia nel Torneo 2021 la aggiornano: gli Azzurri, che dal 2015 rimangono su 31 sconfitte consecutive, hanno davvero il loro posto al tavolo del Sei Nazioni?

In Scozia, dove sabato è attesa l’Italia (ore 15.15), è arrivato il momento di trovare un po ‘di balsamo nel cuore per il tecnico Franco Smith, che sabato scorso in conferenza stampa, dopo l’altro, non ha potuto trattenere qualche lacrima di impotenza. schiaffo contro il Galles (7-48). Il Torneo 2021 è una nuova via della croce per questa rinnovata squadra italiana, con i giovani responsabili di far dimenticare ai pensionati (o quasi pensionati) Alessandro Zanni, Leonardo Ghiraldini o Sergio Parisse.

»LEGGI ANCHE – Rees-Zammit, la dinamite che accende il Galles

Questi Azzurri senza molta esperienza internazionale hanno subito 187 punti e 26 mete in quattro partite. Peggio ancora, l’Italia resta a 31 sconfitte consecutive nel Torneo dall’ultima vittoria nel 2015, precisamente in Scozia. Lo spirito combattivo e il gioco in mano erano stati eliminati contro Francia, Inghilterra e Irlanda, prima che l’Italia cedesse fisicamente. Ma contro i gallesi, gli azzurri non hanno mostrato nulla, tranne la loro indisciplina, sotto l’acqua dell’entrata.

“In campo tutti vogliono fare bene, ma non siamo al livello che vorremmo”, ha ammesso Smith, dodici sconfitte in dodici partite da quando è entrato in carica all’inizio del 2020. “Facciamo tanti sacrifici, lavoriamo davvero tanto. … I giocatori ci mettono sempre il cuore e vengono sempre criticati “, ha detto commosso, assicurando però che il suo” impegno non cambia “. Smith potrebbe rivendicare il tempo per permettere a questa generazione di indurirsi, dopo più di vent’anni di il Torneo (2000), questo discorso di pazienza non passa. Anche in Italia.

“L’Italia è diventata la banca del Torneo, tutte le squadre la vedono come un’opportunità per guadagnare punti”

Eddie O’Sullivan, ex allenatore irlandese

“Quando pensi che non sia possibile fare peggio, l’Italia del rugby riesce comunque a sorprendere: c’è sempre qualcosa da grattare in fondo alla canna della nostra miseria ovale”, ha frustato il Repubblica Domenica. Anche in altre nazioni la clemenza degli esordi tende a scomparire: “L’Italia è diventata la banca del Torneo, tutte le squadre la vedono come un’opportunità per raccogliere punti”, stimava a inizio marzo l’ex tecnico irlandese Eddie O ‘ Sullivan. “All’inizio, tutti dicevano che dovevamo dare loro del tempo, ma probabilmente ora è peggio.”

READ  Giro d'Italia - Jan Hirt: "Focalizzerò la mia attenzione sul Giro"

Ugo Mola: “Raramente ho visto una squadra così debole”

“Basta, non sono abbastanza bravi per giocare a questo livello”, ha dichiarato alla BBC anche l’ex capitano gallese Sam Warburton, rilanciando l’idea delle dighe, ad esempio tra Italia e Georgia, per designare il sesto ospite del Torneo. “Posso capire che la Georgia stia mangiando qualcosa. Perché francamente raramente abbiamo visto una squadra così debole ”, ha stimato a febbraio anche l’allenatore del Tolosa Ugo Mola. La Georgia, infatti, viene regolarmente citata come un’alternativa credibile a causa dei suoi buoni risultati nel torneo B. Tuttavia, la sua promozione “non è d’attualità”, assicura AFP Sébastien Bruno, consulente di “Lelos» Nel settore della mischia durante la Nations Cup. “Se la Georgia inizia a fare bene e dimostra di essere più forte dell’Italia, la questione dovrà essere chiesto. Ma per ora, non lo sappiamo “, aggiunge, rammaricandosi di non aver raggiunto un” perfetto “durante la Coppa d’Autunno.

E anche se la Georgia (12 °) è davanti all’Italia (15 °) nella classifica mondiale, sul terreno, sono gli Azzurri che si erano imposti nel faccia a faccia a Firenze nel novembre 2018 (28-17). Ma è probabile che il dibattito continui fintanto che gli italiani non pongono fine alla loro scarsità di sei anni senza una vittoria (e tre anni senza un solo punto di bonus difensivi). L’ex terza linea Marzio Innocenti, presidente della Federazione italiana da sabato, ha già riconosciuto che l’Italia “dovrà meritarsi di partecipare con risultati”, non solo per contratto. Una ripresa che passa in particolare, secondo lui, da una riorganizzazione del campionato italiano, con la creazione di una “superlega” di tipo NBA.

READ  Calcio - Coppa Italia: il nostro pronostico per Atalanta Bergamo - Lazio Roma

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *