Perché la malattia ti protegge dai tumori cerebrali?

Soffre dicrisi Potrebbe non avere tutti i difetti alla fine. Circa quindici anni fa, i neurologi americani scoprirono che I pazienti asmatici hanno sviluppato meno tumori cerebrali. Ora sappiamo perché asmatici Sembra avere meno probabilità di sviluppare tumori cerebrali rispetto ad altri, grazie al lavoro dei ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis, negli Stati Uniti. Lo hanno appena rivelato in uno studio pubblicato l’8 dicembre sulla rivista Comunicazioni sulla naturaCome l’asma protegge chi soffre di tumori al cervello. Questa specificità è correlata alla secrezione delle persone con asmaUna proteina chiamata decoratore. Infatti, se è così dannoso per l’asma, che sta peggiorando, d’altro canto può rivelarsi un potente alleato per la cura di alcuni tumori cerebrali, compreso quello delle vie visive.

Un nuovo approccio al trattamento dei tumori cerebrali

“un Le cattive notizie per le vie aeree possono essere buone per il cervelloIn pratica, spiegano gli scienziati, sembra che sia coinvolto il comportamento dei linfociti T, un tipo di cellula immunitaria. E quando le persone hanno l’asma, sono attive. Lo studio americano ha dimostrato che le cellule T che causano l’infiammazione nei polmoni in parallelo prevengono la crescita dei tumori cerebrali, una scoperta che indica questo Riprogrammazione delle cellule T in pazienti con tumori cerebrali Forse Un nuovo approccio al trattamento dei tumori cerebrali. Il professor David Guttman, autore principale dello studio, ha dichiarato: “Naturalmente non inizieremo a causare l’asma, che può essere una malattia mortale per chiunque”. Secondo lui, l’obiettivo sarà “riprogrammare le cellule T nei pazienti con tumori cerebrali affinché funzionino come le cellule T nei pazienti con asma potrebbe essere un nuovo modo per trattare questi tumori”.

READ  Colesterolo: la Federazione belga di cardiologia vuole smantellare le idee ricevute

Per raggiungere queste conclusioni, i ricercatori hanno esposto gruppi di topi a sostanze irritanti che inducono l’asma da 4 settimane a 6 settimane di età. Quindi hanno trattato un gruppo di controllo con soluzione salina per il confronto. Dopo aver cercato i gliomi nella via ottica a 3 e 6 mesi di età, gli scienziati hanno scoperto che i topi con asma non hanno sviluppato questi tumori cerebrali. Dopo che i ratti hanno l’asma, I suoi linfociti T iniziarono a secernere una proteina chiamata decorinaBen noto ai ricercatori sull’asma. Questa proteina è già nota agli specialisti dell’asma perché peggiora i sintomi dell’apparato respiratorio. Tuttavia, questa proteina fa bene al cervello perché Previene l’attivazione di cellule chiamate microglia, che sono legate alla crescita dei tumori cerebrali.

Secondo gli autori dello studio, “Questo indica che esiste una connessione tra le cellule T del corpo e le cellule del corpo”. cervello che supportano la crescita dei gliomi nella via ottica. “Il prossimo passo è vedere se questo è vero per altri tipi di tumori cerebrali”. Man mano che comprenderemo ulteriormente questa relazione tra le cellule T e le cellule che promuovono i tumori cerebrali, troveremo Opportunità di sviluppare trattamenti in grado di interferire con il processo‘, concludono gli scienziati.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.