Paradisi fiscali | I potenti canadesi e politici coinvolti nei “Pandora’s Papers”

Centinaia di personaggi internazionali – potenti politici, miliardari, leader religiosi e spacciatori di droga – hanno approfittato dei paradisi fiscali per coprire attività finanziarie per 25 anni, secondo una revisione di quasi 12 milioni di documenti ottenuti da 14 aziende.




Michael Lidtke e Jonathan Mattis
Agenzia di stampa

Il rapporto è stato pubblicato domenica dall’International Consortium of Investigative Journalists (ICIJ), che comprende 600 giornalisti provenienti da 150 media in 117 paesi. Questi documenti sono stati chiamati “Pandora’s Papers” perché fanno luce su ciò che era nell’oscurità: transazioni d’élite e personalità corrotte, nonché account creati in paesi o territori. con imposte agevolate.

Tutti questi conti valgono diversi trilioni di dollari.

Tra le oltre 330 figure identificate ci sono il re di Giordania Abdullah II, l’ex primo ministro britannico Tony Blair, il primo ministro ceco Andrej Babis, il presidente keniano Uhuru Kenyatta, il presidente ecuadoriano Guillermo Lasso e i parenti del primo ministro pakistano Imran Khan e del presidente russo. Il presidente russo Vladimir Putin.

FOTO GONZALO FUENTES E ARCHIVI AP

Il presidente del Kenya Uhuru Kenyatta

L’elenco include anche i miliardari Erman Ilijak e Robert T. Brockman.

Secondo Radio Canada, coinvolta nell’inchiesta, Jacques Villeneuve, Elvis Stojko, Feroz Patel e Fred Sharp sono canadesi citati dai documenti.

Il rapporto affermava che questi conti erano progettati per l’evasione fiscale o per nascondere beni.

“Questi nuovi dati dovrebbero aumentare la consapevolezza”, ha affermato Green, eurodeputato Sven Giegold. L’evasione fiscale globale alimenta la disuguaglianza globale. Dobbiamo rafforzare le contromisure. ”

Oxfam International ha elogiato la pubblicazione del rapporto per aver rivelato esempi evidenti dell’avidità che sta privando i paesi di entrate fiscali che potrebbero finanziare programmi sociali.

READ  Il primo scontro a fuoco tra Israele e Hamas dalla tregua a Gaza

“È qui che sono decollati i nostri progetti in ospedale”, ha affermato Oxfam in una nota. È qui che sono decollate le assunzioni di insegnanti, vigili del fuoco e dipendenti pubblici. Ogni volta che un leader politico o un capo d’azienda afferma che non ci sono soldi per il cambiamento climatico, l’innovazione, posti di lavoro migliori, una giusta ripresa economica o un aiuto per i paesi stranieri, sapranno dove cercare. ”

Gli investigatori hanno scavato in conti registrati in paradisi fiscali come Isole Vergini britanniche, Seychelles, Hong Kong e Belize. Ma altri conti segreti sono stati trovati in trust nel South Dakota e in Florida.

Queste scoperte non brillano per alcuni personaggi.

Il re di Giordania Abdullah II ha costituito almeno 30 società di comodo dal 1995 al 2017 per acquistare 14 proprietà di lusso per un valore di oltre 106 milioni di dollari negli Stati Uniti e nel Regno Unito. Secondo quanto riferito, ha ottenuto 23 milioni di dollari di residenza in California attraverso una società delle Isole Vergini britanniche.

Nessuna risposta dal palazzo reale alla pubblicazione del rapporto.

Tony Blair e Cherie Blair sono diventati proprietari di un edificio vittoriano da 8,8 milioni di dollari nel 2017 acquistando una società registrata nelle Isole Vergini britanniche. Acquistando il fondo fiduciario invece dell’edificio, la coppia ha risparmiato più di 400.000 dollari in tasse sulla proprietà.

NSio Blair ha affermato che suo marito non era coinvolto nell’accordo “per ripristinare la fiducia e la costruzione del sistema fiscale britannico”.

Il primo ministro ceco Andrej Babis ha investito 22 milioni di dollari in società di facciata che gli hanno permesso di acquistare un castello a Mongin, in Francia. Queste società e proprietà non sono incluse nella dichiarazione dei beni del sig. Babis.

Foto dall’account Facebook di Andrej Babic, fornita da ICIJ

Andrej Babis, primo ministro ceco, nel suo castello francese

“Mi aspettavo qualcosa del genere prima delle urne per farmi del male e influenzare l’esito delle elezioni”, ha risposto Babis.

READ  Facebook and others may face more cases in courts in the European Union

Venerdì e sabato prossimi si terranno le elezioni parlamentari ceche.

“Non ho fatto nulla di sbagliato o illegale”, ha aggiunto.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *