“Non lavoriamo più in Italia”

Redazione Media365, pubblicato martedì 25 maggio 2021 alle 9:30

Ora giocatore dell’AS Roma, l’ex giocatore del Nantes Jordan Veretout ha parlato della sua carriera, confrontando in particolare la Serie A e la Ligue 1.

Molto bravo in campo e leader della Roma, impressiona Jordan Veretout, lui che ha pronunciato al microfono di RMC sulle sue avventure italiane. Racconta in particolare di come si sia innamorato del campionato italiano, così come del suo incredibile trasferimento alla Fiorentina, nel 2017. “All’inizio non guardavo troppo il campionato italiano. Il mio trasferimento alla Fiorentina è stato fatto tardi, in 24 ore., E una volta firmato, ho guardato alcune partite. Mi sono reso conto che il calcio italiano era molto tattico e quello che mi è subito piaciuto è stato vedere le tante squadre che facevano le uscite palla pulita, a terra. Anche le squadre piccole avevano questa filosofia E continua: quest’anno La Spezia è stata promossa e la squadra non ha avuto paura di tirare fuori palla da dietro. È vero che questo elemento mi ha segnato ed è quello che osserviamo in Italia. È il calcio che mi parla. In Premier League, noi dell’Aston Villa non eravamo abbastanza abituati a questo … “

“Non lavoriamo più in Italia”

Veretout affronta anche il mito che si lavora più in Italia che in altri campionati, compresa la Ligue 1. Un mito che conferma. “Trovo che lavoriamo di più, passiamo più tempo in palestra per tutto ciò che è bodybuilding, guaina, propriocezione, prevenzione, ecc. E il recupero dopo le partite è fondamentale anche in Italia. La vita quotidiana è intensa. “

READ  Fine del corso per le Tigri Gialle, logicamente battute dall'Italia

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *