“Non ho mai visto un’Italia così debole da anni”: Le Vestiaire unanime dopo l’eliminazione dell’Italia

“Non ho mai visto un’Italia così debole da anni”: Le Vestiaire unanime dopo l’eliminazione dell’Italia

La Svizzera ha creato una sorpresa questo sabato sera eliminando meritoriamente l’Italia, campione in carica. Nel nostro programma “Dans Le Vestiaire”, i nostri iscritti del giorno erano unanimi, all’Italia mancava tutto per qualificarsi ai quarti di finale.

È un’Italia molto triste quella che ha perso sabato sera contro la Svizzera, che ha giocato la mossa in modo perfetto. Agli uomini di Spalletti è mancata voglia, creatività, insomma un po’ di tutto”.Credo che oggi l’Italia sia stata debole, non c’è stata grinta, è mancato tanto in attacco e la Svizzera ha dimostrato di meritare il passaggio del turno.“, analizza la nostra ospite della serata, la Red Flame Janice Cayman.

Non c’era la foto, poteva essere 3 o 4-0, all’Italia mancano tante cose in tutti i settori del gioco. Percussioni sulle fasce, un marcatore, è una mancanza di qualità anche per l’Italia. Senza un leader anche lui, oggi (Spaletti, ndr) aveva messo Jorginho in panchina. Sulla carta, questa Italia non è poi così forte“, aggiunge Thomas Chatelle.



Marc Delire va anche un po’ oltre. “Parliamo comunque dell’Italia. A memoria, non vedevo mai un’Italia così debole da anni. Anche quando non si qualificarono, non furono poi così male.“.

Rispetto all’ultimo Europeo mancano tanti dirigenti, come il mitico perno centrale Bonucci-Chiellini. Ma è soprattutto a livello mentale che il basso fa male”.C’era un’anima, che non c’è più“, osserva Thomas Chatelle.

È caduta contro un avversario che non le si addice affatto. Una squadra senza una grande stella, ma con un fisico incredibile, un allenatore criticato, ma che ha tenuto la rotta. Non sarà facile giocare con la Svizzera“, osserva Marc Delire.

READ  quarta pole consecutiva per Quartararo in questa stagione





Uno dei punti di forza della Svizzera è il suo collettivo. “Il focus non è sui giocatori, ma sulla squadra. Penso che per il Belgio tutta la pressione sia su De Bruyne, non sta andando male, ma sarebbe bene concentrarsi di più sulla squadra perché ci sono altri giocatori in forma che possono fare la differenza“, conclude infine Janice Cayman.

Trova Le Vestiaire per intero su Riproduzione RTL.






You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *