Il viaggio delle farfalle attraverso l’Atlantico

Il viaggio delle farfalle attraverso l’Atlantico

Quanto lontano possono volare le farfalle? Un team internazionale di entomologi lo ha appena dimostrato sulla rivista scientifica La natura della comunicazione Le farfalle sono in grado di effettuare voli attraverso l’Oceano Atlantico per una distanza di oltre 4.000 chilometri senza atterrare.

Queste sono le mogli del marito, o cardi, Vanessa Cardoy Dal nome scientifico, sono farfalle migratrici diffuse dall’Africa sub-sahariana al nord Europa attraverso il Medio Oriente. Sono in grado di sorvolare il Sahara e percorrere distanze molto lunghe, fino a 15.000 chilometri durante le loro migrazioni annuali, ma con molte fermate. e si rompe per riprendersi.

Al di là della metafora del battito delle ali, l’effetto farfalla, i ricercatori si chiedono da tempo come facciano le farfalle a volare così bene e tuttavia ad avere ali così larghe, così corte e soprattutto così grandi per le loro dimensioni. Nel 2022, ricercatori svedesi sono riusciti anche a risolvere il mistero del volo della farfalla, mostrando l’effetto soffietto delle sue ali grandi e flessibili che le permettono di decollare molto rapidamente e volare in modo irregolare e imprevedibile, permettendole anche di sfuggire ai predatori.

Farfalle che volano per 4.200 chilometri senza fermarsi

Queste bellissime dame volano in tutti i continenti, tranne l’America Latina, e l’Oceano Atlantico resta la loro ultima frontiera invalicabile, da qui la sorpresa dell’entomologo spagnolo. Gerardo Talavera Quando su una spiaggia della Guyana scoprì uno stormo di donne colorate arenate sulla sabbia, con le ali forate e danneggiate, ma in gran parte vive.

Questo entomologo, un formidabile ricercatore di farfalle, concluse che le farfalle avevano appena attraversato l’Atlantico. Questa nuova ipotesi doveva essere dimostrata, ma era impossibile lasciare un segno sulle ali della farfalla. Il nostro entomologo, specializzato nel disegnare donne che vede e fotografa in tutti i continenti, ha deciso di indagare. Nel 2018 aveva già sviluppato strumenti genetici per analizzare il DNA dei granelli di polline intrappolati nelle ali di questi insetti impollinatori, riuscendo così a tracciare la loro rotta migratoria, e quindi il loro percorso. Grazie a questa tecnica innovativa e ad altri strumenti isotopici, Gerard Talavera, del Giardino Botanico di Barcellona, ​​in collaborazione con un team internazionale di entomologi, è riuscito a dimostrare che queste dame dipinte bloccate in Guyana hanno effettivamente sorvolato l’Oceano Atlantico.

READ  Salute: l'Africa affronta focolai di zoonosi

Nello studio appena pubblicato sulla rivista scientifica comunicazioni naturalistiche, Le cucine di una zona remota non sono sicure che il polline raccolto dai papillon arrivi con fiori speciali in Africa – i fiori che sono chiusi nel pomeriggio e novembre che corrispondono alla data di arrivo di questi papillon -, ma non è tutto. I ricercatori hanno anche studiato i genomi di queste donne colorate bloccate in Guyana e hanno dimostrato che i loro geni provenivano da linee di farfalle africane ed europee, ma non dal Nord America. Questa è la prova ancora una volta che queste bellissime donne hanno attraversato l’Oceano Atlantico, una distanza di 4.200 chilometri senza fermarsi.

Raggiunge l’America invece che l’Africa a causa dei forti venti

Queste grandiose ricerche genetiche, entomologiche e vegetali hanno riguardato anche il clima, con condizioni atmosferiche e di venti particolarmente favorevoli. Gli scienziati, infatti, hanno evidenziato venti estremamente forti che avrebbero fatto deviare queste bellissime dame dalla loro abituale rotta migratoria in Africa per trasportarle oltre l’Oceano Atlantico, sorvolando il quale avrebbero poi volato fino alla costa settentrionale del Sud America. lavare. Questa spiaggia si trova in Guyana.

Questa è la prima volta che viene dimostrata la migrazione transatlantica delle farfalle, aprendo la strada a una migliore comprensione della migrazione degli insetti impollinatori in generale e delle coccinelle dipinte in particolare. Quest’ultimo gioca un ruolo importante nella diffusione delle piante da fiore, ma anche dei funghi e perfino dei microbi o addirittura dei batteri, che si trasmettono da un oceano all’altro per migliaia di chilometri e in tutti i continenti, attraverso i battiti delle ali delle farfalle. Resta da esplorare un altro tipo di effetto farfalla.

READ  Allarme degli scienziati: con il riscaldamento globale, la scomparsa dei ghiacciai è maggiore del previsto

Ascolta anche tuPerché ti sei ispirato alle ali delle farfalle?

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *