Neve di marmo per far assomigliare Madrid a Mosca

Scritto da Isabel Baker

Inserito oggi alle 19:00.

Quella maledetta neve che non arriva mai. Tuttavia, le squadre sono pronte a partire dal primo fiocco di neve. La neve nel tardo inverno del 1964 in Siria, una piccola città nella provincia di Castiglia, 200 chilometri a nord di Madrid, dove l’inverno è solitamente spietato: la temperatura può scendere fino a 10 gradi sotto lo zero fino a 10 gradi Celsius. Ecco perché, tra le altre cose, il regista britannico David Lean ha scelto di girare Il dottor Zivago (1965) in Spagna invece di andare in Svezia, Jugoslavia o Finlandia. Grazie per la neve della Siria.

Informazioni sul luogo delle riprese

Le raccolte circolano da mesi per portare al cinema il bestseller di Boris Pasternak, pubblicato nel 1957, che ha conferito allo scrittore russo il Premio Nobel per la letteratura l’anno successivo, con grande dispiacere del regime sovietico. Queste decorazioni restaurano la casa di famiglia a Varikino, negli Urali, dove il medico e poeta Yuri Zhivago (Omar Sharif) e sua moglie Tonya (Geraldine Chaplin) fuggono dall’oppressione bolscevica. Ricreano Uretano, il villaggio vicino dove Lara (Julie Christie), l’amante dell’eroe, vive con sua figlia. Le stazioni vengono trasportate lungo il percorso tra Mosca e la Siberia su una ferrovia che collega Valladolid e la Siria. Nella parte inferiore della steppa ispano-siberiana, la vetta innevata del Monkayo, una delle vette più alte della penisola iberica, simboleggia la regione ghiacciata degli Urali.

Devi immaginare migliaia di narcisi importati dall’Olanda e piantati mesi fa in Spagna, per fotografare una scena primaverile.

“Era come un’operazione militare”, Ha scritto di questo servizio fotografico di Teddy Villalba, uno degli assistenti di produzione, nel suo diario, uomo del cinema (“Un homme de cinéma”, 2016, Pigmalion, non tradotto). Devi immaginare migliaia di narcisi importati dall’Olanda e piantati mesi fa in Spagna, per rappresentare uno scenario primaverile della leggendaria musica di Maurice Jarre. Mettendo insieme neve e fiori, Teddy Villalba ha scritto: “I membri del team hanno ricevuto istruzioni specifiche. Le nostre borse erano pronte. Al minimo fiocco di neve o alla prima fioritura di narcisie Abbiamo lasciato Madrid immediatamente. Tutti sapevano quale macchina prendere e in quale hotel avrebbero soggiornato. Decine di camere sono state affittate per ospitare il personale poiché in Siria c’erano solo due hotel. Sono rimasti vuoti per mesi. “

Hai ancora l’87,84% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

READ  Italia - 34 ° giornata - Serie A: il Milan si aggrappa all'Europa e lo scudetto si allunga verso l'Inter

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *