Netflix aumenta il suo “tocco francese” nel 2021

Dopo aver dato una “spinta” a 20 produzioni francesi lo scorso anno, il 2021 sarà l’anno del “consolidamento creativo e culturale in Francia” e il gigante del video ha promesso di produrre o distribuire 27 film, serie e documentari.

“I nostri abbonati vogliono soprattutto le storie con cui sono identici”, ha detto Anne Gabriel Dupatta Pantanas, direttore delle comunicazioni di Netflix in Francia, in una conferenza stampa martedì.
Oltre alle partnership con scuole e associazioni “per identificare i talenti di domani e promuovere una maggiore diversità”, Netflix ha ampliato i suoi team francesi, spiega. In particolare tirando dal suo concorrente Canal +: Pierre Saint-André, l’ex vicedirettore del romanzo francese, è salito sul podio.

Se “French Style” colpisce nel segno con gli abbonati Netflix – 70 milioni di famiglie in tutto il mondo hanno visto “Lupin” con C a 28 giorni – questo aumento del “Made in France” aiuterà anche la piattaforma a rispettare i suoi nuovi impegni europei. Infine (il decreto esecutivo deve ancora essere pubblicato), le piattaforme dovranno presentare almeno il 30% delle imprese europee nella loro offerta. “Ci stiamo avvicinando sempre di più a questo obiettivo”, guidati da tutte le nostre istituzioni a Madrid, in Italia e in Germania, ha sottolineato la signora Dauba Pantanakshi.

Citazione di Harlan Coben per il titolo della serie

Nelle serie, dopo aver dato il posto d’onore a generi come l’horror (“Marianne”) o Wonderful (“Revolution”), Netflix vuole concentrarsi nel 2021 “su proposte più standardizzate e generiche”.
Nel programma, tre serie principali: “Disparu à toujours”, un adattamento francese del thriller di Harlan Coben di David Elkaïm e Vincent Poymiro, autori di “En Therapy”, è stato realizzato privatamente da Finnegan Oldfield e Nicholas Deauville. Ma anche “Part of the Fire”, un romanziere che riprende la notte dell’incendio di Notre Dame de Paris e “Johnny Johnny”, una serie di documentari che tornerà su “l’idolo della giovinezza”. .

READ  Philip Hressant in France Musique, un compositore che suona il pianoforte

Altre due serie sono state girate nel 2022: “Le sette vite di Léa”, una serie per adolescenti “Luminous” che si è immersa negli anni ’90 con Melanie Dotty, Raika Hazanavicius e Samuel Pinchitret; E “Bundo” del comico Noel Madani.

Danny Boone, Jean-Pierre Jounieh e Jean-Claude Van Damme sono nel cinema

Dal lato cinematografico, la stessa attenzione al pubblico in generale, basata su azione e commedia, un cocktail che ha già dimostrato il suo valore attraverso due fondi: “Bronx”, di Olivier Marshall, un film poliziesco d’azione progettato ma acquistato dalla piattaforma e “Balle Perdue” di Guillaume Pierret, sullo sfondo di battaglie e inseguimenti. Entrambi hanno raccolto oltre 37 milioni di visualizzazioni in tutto il mondo durante il primo mese di attività, una performance che la piattaforma attribuisce al cinema “alla francese”: meno effetti speciali e più azione su personaggi e trame rispetto a Hollywood, dice.

Volendo sfruttare questi successi, la piattaforma ha annunciato tre nuove produzioni nazionali, tra cui il sequel “Balle Perdue”, che è diventato il primo “franchise” del cinema francese. La piattaforma scommette su un altro sequel della commedia poliziesca “De l’Autre Côté du Péri” (2012), con Laurent Lafitte e Omar C. A questo si aggiunge “A Tomb Open”, che è un remake del film coreano del 2014, “A Hard Day”, che è il primo film con Frank Gastambede e Simon Abkarian.

Inoltre, ci sono altri grandi progetti già annunciati: “Bigbug” di Jean-Pierre Jeunet, l’imminente Dany Boon, “8 rue de l’Humanité”, in custodia (fine del 2021) e il ritorno di Jean- Claude Van Damme nella commedia d’azione “L’ultimo mercenario”.

Il gigante televisivo intende espandere la gamma di film francesi che produce nei prossimi anni, offrendo un trampolino di lancio per giovani attori e registi. È ancora più allettante per loro, dato il crollo del virus che ha causato la flessione della produzione tradizionale francese.

READ  La colonna sonora originale del film Blue Eyes

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *