Nel sud del Libano, l’Italia punta i riflettori sul castello di Chamaa

Un contributo dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS), dell’importo di 700.000 euro, ha permesso di restaurare il castello di Chamaa o Qalaat Chamaa, situato nella caza di Tiro nel sud del Libano, a 99 chilometri da Beirut. Costruita su un altopiano, con una magnifica vista sul Mediterraneo e sulla Palestina, la cittadella ha occupato fin dall’epoca romana e fino ai conflitti israelo-libanesi una posizione strategica nella regione. In gran parte distrutto durante la guerra nell’estate del 2006 dall’esercito israeliano, è stato appena restaurato e consegnato alle autorità libanesi dall’ambasciatore italiano a Beirut, Nicoletta Bombardiere, nella data simbolica del 2 giugno, giorno in cui l’Italia ha festeggiato la festa della Repubblica. Conosciuto fin dall’epoca romana, il luogo faceva parte di un circuito di siti strategici. L’esperta italiana Marisa Calia, che ha supervisionato i lavori di restauro del sito, afferma che i dati archeologici raccolti mostrano che è stato precedentemente restaurato nel 271, data confermata dal ritrovamento di un frammento di pavimento a mosaico durante gli scavi condotti sotto la direzione dell’archeologo e responsabile i resti a Tiro presso il Ministero della Cultura, Ali Badaoui. Quest’ultimo indica anche che Chamaa governava un certo numero di località, situate sulle colline vicine, come Iramt, Oum el-Rab e Alexandretta (da non confondere con la turca Alexandretta).

Dalle crociate allo sceicco el-Nasser

Nel VI secolo il sito fu danneggiato da un terremoto che colpì l’intera regione. Tuttavia, mancano documenti per sapere cosa sia successo alla colonia di Chamaa dopo la conquista della regione da parte dell’Islam. Nel XII secolo i Franchi si impadronirono del luogo e lo occuparono fino al 1291, e costruirono una torre che domina la pianura circostante. Il lavoro di indagine svolto da Ali Badaoui ha permesso inoltre di ritrovare antichi documenti che raccontano che intorno al 1750 il castello e il villaggio subirono una grande rinascita. Vengono restaurati dal governatore di Tiro, lo sceicco Abbas Mohammad el-Nasser, della dinastia sciita Ali el-Saghir, che stabilisce di fatto l’autonomia della regione, e il castello diventa proprietà della sua famiglia. La cittadella, utilizzata per scopi militari e residenziali, è in fase di importanti lavori di ristrutturazione. Suo figlio, lo sceicco Kayed, avrebbe poi aggiunto strutture al lato nord del castello, riferisce l’esperta Marisa Calia. Fu durante il periodo di questi signori di Jabal Amel che il castello acquisì l’importanza di un centro economico e religioso locale. Il sito prende infatti il ​​nome dal santuario sciita attribuito dalla tradizione locale alla tomba del profeta Chemoun es-Safa (maqam Chemoun es-Safa) che sarebbe San Simone lo Zelota o il Cananeo, uno dei 12 apostoli di Gesù . Secondo la credenza sciita, era anche un antenato dell’Imam Mahdi. Il periodo di ascesa di Chamaa, tuttavia, terminò nel 1781 quando Nasser fu ucciso durante una lotta di potere con il governatore ottomano di Sidone, che decimò la popolazione sciita in brutali purghe. Un secolo dopo, nel 1875, in missione scientifica in Medio Oriente, l’archeologo e geografo francese Victor Guérin notò che il castello, “in rovina”, era circondato da un recinto fiancheggiato a tratti da torri semicircolari. . L’interno è diviso in due parti: una a nord dove risiedeva “il pascià”; l’altro a sud che era occupato da una sessantina di abitazioni private. “La stanza del divano era adorna di diverse colonne monolitiche di granito grigio (…) Nelle vicinanze, ancora in piedi con la sua cupola bianca e il minareto, un santuario dedicato al profeta Chemoun es-Safa”.

READ  L'Italia celebra i 700 anni dalla morte di Dante con centinaia di eventi

Nella stessa sezione

Memoria del tempo, Jbeil tra Halle, il Louvre e il Museo Archeologico dei Paesi Bassi

Nel 1881, il Survey of Western Palestine, che raccoglieva una serie di indagini effettuate dal Palestine Exploration Fund tra il 1872 e il 1877, descriveva Qalaat Chamaa come “un castello di moderna costruzione situato su una collina conica molto alta e cospicua, vista da lontano. . È occupato da una quarantina di musulmani. Il terreno intorno è coperto di sterpaglie ed è incolto. Ci sono dieci cisterne per l’acqua”.

Storia contemporanea

Come il castello di Beaufort a Nabatiyé caza, Qalaat Chamaa ha servito dal 1978 al 2000 come postazione militare strategica per l’esercito israeliano che ha occupato la regione. Per facilitare l’accesso dei propri mezzi corazzati al sito, “le truppe hanno demolito la storica porta del castello, che risale a 250 anni fa e parti della quale risalgono a otto secoli”, ricorda Ali Badaoui. Durante la guerra del 2006, “il nemico ha puntato i suoi cannoni e missili contro la fortezza e il santuario di Nabi Chamaa, che sono stati in gran parte distrutti. Un crimine di guerra culturale che merita un processo penale”, aggiunge l’archeologo. Il castello essendo situato nei pressi del quartier generale del contingente militare italiano dell’UNIFIL, nel 2008 il comandante del battaglione, generale Stefano Del Col (oggi capo missione e comandante della Forza interinale delle Nazioni Unite in Libano), ha lavorato per consolidare le restanti parti della cittadella. Quanto al maqam del profeta Nabi Chemoun es-Safa, è stato riabilitato con il sostegno del Qatar.

Il restauro del castello di Chamaa si è concentrato su parti risalenti al 1750 circa. Foto fornita dall’Ambasciata italiana

Restauro

READ  Antoine Brizard ha sede a Piacenza, Italia

“Il castello, le sue fortificazioni e le abitazioni sono state studiate nella speranza di poter restaurare l’intero complesso”, sottolinea Ali Badaoui. Ma a causa delle risorse limitate, l’attenzione si è concentrata sull’area della fortezza e sul suo spazio interno. Il lavoro guidato dal Consiglio per lo Sviluppo e la Ricostruzione (CDR) e la Direzione Generale delle Antichità si è concentrato maggiormente su parti risalenti al 1750 circa, cioè al tempo dello sceicco Abbas Mohammad el-Nasser. Comprendono il rafforzamento delle mura interne ed esterne, il restauro delle tre torri e del cortile del castello. Oltre all’installazione di pannelli esplicativi, sono stati realizzati una serie di percorsi e passerelle metalliche per rendere i luoghi fruibili ai visitatori. Secondo Marisa Calia, il restauro e il consolidamento delle restanti strutture è stato effettuato nel rispetto degli standard internazionali per la conservazione del patrimonio culturale. Le macerie risultanti dalla pulizia del sito hanno raggiunto i 10.000 m3. Gli scavi e la raccolta di dati archeologici hanno permesso l’interpretazione e la dotazione cronologica del sito. “L’obiettivo della Direzione Generale delle Antichità sarà quello di riabilitare una delle vecchie case per trasformarla in un museo del sito dove saranno esposti i reperti rinvenuti durante gli scavi”, aggiunge il sig. Badaoui.

L’ambasciatore Bombardiere e il ministro della Cultura libanese, Abbas Mortada, hanno inaugurato il castello di Chamaa alla presenza del sindaco di Chamaa, Abdel Kader Safieddine, del direttore generale delle Antichità, Sarkis Khoury, e del generale Del Col. “Questa cerimonia mi dà l’opportunità di Ricordiamo che l’Italia e la Cooperazione Italiana allo Sviluppo restano pienamente impegnate nella conservazione e promozione del patrimonio culturale libanese. Attraverso il programma Beni Culturali e Sviluppo Urbano, sosteniamo progetti di restauro per un valore di 12 milioni di euro”, ha affermato la sig. Bombardiere ha detto in questa occasione.

READ  Milan e Inter non proprio "grandi", la Juve lo sta facendo

Dopo il restauro della tomba di Tiro e la ristrutturazione completa di un piano del Museo Nazionale di Beirut, “entro il 2022 saranno completati i progetti di restauro intrapresi sul sito archeologico di Baalbeck e su quello di Tiro”, ha riferito l’ambasciatore. Le sei colonne del tempio di Giove sono infatti in fase di restauro così come lo sviluppo di percorsi e ponti metallici per facilitare il movimento dei visitatori. Allo stesso modo, sono in fase di sviluppo un nuovo ingresso al sito e un centro visitatori. Nella zona del porto vecchio di Tiro, invece, si stanno consolidando le colonne in marmo cipollino della strada romana.

Un contributo dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS), dell’importo di 700.000 euro, ha permesso di restaurare il castello di Chamaa o Qalaat Chamaa, situato nella caza di Tiro nel sud del Libano, a 99 chilometri da Beirut. Costruita su un altopiano, con una magnifica vista sul Mediterraneo e sulla Palestina, la cittadella ha occupato …

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *