Naufragio di migranti nel Canale della Manica: un ‘film dell’orrore’

“Film horror”, scioccante come nessuno in mare da 21 anni: Carl McEwengen, il pescatore che mercoledì ha lanciato un avvertimento sul peggior dramma sull’immigrazione del Canale della Manica, è ancora ossessionato dalle immagini dei cadaveri galleggianti degli emarginati.

“Vedere così tanti morti come questi accanto a noi è davvero un film dell’orrore”, racconta ad alcuni giornalisti che il pescatore, appena sbarcato, nel cuore della notte da giovedì a venerdì, dal peschereccio in cui si trovava lavorando al secondo, nel porto di Boulogne-sur-Mer (Nord) .

• Leggi anche: 27 migranti muoiono in un naufragio nel Canale della Manica

• Leggi anche: Johnson chiede alla Francia di rimpatriare i migranti che attraversano la Manica

Così scioccato, la sua voce ruvida per l’emozione, quest’uomo con la barba in abito blu ora aspira solo a una cosa, ad “abbracciare i suoi figli” tra le sue braccia.

L’annegamento, avvenuto mercoledì, ha ucciso 27 persone, 17 uomini, sette donne e tre giovani, secondo la giustizia francese.

Mercoledì, è stato lui a vedere il primo corpo sulla superficie dell’acqua, dal ponte della barca, Saint-Jacques II. Dice che poi ha visto “una quindicina”, “persone morte, bambini”.

“Quelli che non avevano il giubbotto di salvataggio, non li vedevamo”, spiega il pescatore, tranne uno “vestito di nero” e una “camicia a quadri”. Questo: “L’ho visto perché è passato a due metri dalla barca, e non era nemmeno un metro”, dice, sul punto di piangere.

Immediatamente i pescatori avvertono Cross Gris-Nez – il centro regionale che monitora il canale e organizza quotidianamente i soccorsi dei migranti in difficoltà – e presenta la loro posizione.

“La Guardia Costiera non era lontana, a due miglia da noi. Sono venuti subito.”

READ  Sergei Mingut: A Spanish mountaineer died after falling from K2

Ossessionato dalle immagini viste in mare, Carl McEwengen ha scritto: “Se fossimo arrivati ​​5 minuti prima, avremmo potuto salvarli. Non riusciamo a dormire. Una volta chiusi gli occhi, vedrai di nuovo il corpo”.

“Avevamo persino paura di tirare fuori le reti per paura di averne una dentro”.

“Questa è la prima volta che mi succede, è una sensazione strana”, spiega questo pescatore esperto, che esercita la sua professione da 21 anni.

Tuttavia, i migranti che cercano di raggiungere l’Inghilterra su barche fragili fanno parte della sua vita quotidiana da mesi. E soprattutto da quest’estate, che ha visto aumentare il numero delle traversate: «Ogni giorno, ogni mezz’ora, ce ne sono».

Al 20 novembre, 31.500 migranti hanno lasciato le coste francesi per la Gran Bretagna dall’inizio dell’anno.

“Cross ci ha detto che finché non hanno chiamato aiuto e il motore era ancora acceso, non saremmo stati in grado di portarli a bordo. Non li portiamo a bordo, ascoltiamo Cross”, ha detto. spiega.

Questo dramma, “Penso che sia il primo, ma non sarà l’ultimo”. Se le autorità non faranno nulla, ci saranno tutti i giorni, soprattutto a quest’ora, con l’inizio del maltempo.

“Secondo me, non impiegherebbero molto a morire” in un mare a questa temperatura, 10-12 gradi.

Negli anni precedenti, i tentativi di attraversamento sono diminuiti con l’inizio della cattiva stagione, ma quest’anno è proseguita a un ritmo molto forte, con nuovi record stabiliti come l’11 novembre, quando 1.185 migranti sono riusciti a radunare le coste inglesi.

Karl McEwengen dice che non si sente arrabbiato, si sente impotente. “Con chi vuoi che mi arrabbi?” Non possiamo fare niente. Oppure aprire il tunnel ‘sotto il canale, attraverso il quale passarono molti esuli prima che fosse chiuso.

READ  "Teoria critica della razza" | Il capo di stato maggiore degli Stati Uniti difende la necessità di comprendere la storia

Nonostante lo shock, tornerà in mare nei prossimi giorni. “È il nostro lavoro, dobbiamo tornare sulla nave. Devi nutrire bene la tua famiglia”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.