Nancy. La terra, il mare e l’Italia nei piatti

Nancy.  La terra, il mare e l’Italia nei piatti

Tre nuovi ristoranti sono sbarcati nel quartiere fieristico. Nella sala B e sulle terrazze, in carta, piatti semplici ed efficaci che hanno dimostrato il loro valore. Senza false promesse.


Yannick VERNINI
Oggi alle 21:10

Mangiare in Fiera è sempre stata una tradizione in molte famiglie. Alcuni sono venuti lì per mangiare il couscous sotto un’imponente tenda berbera, altri sono venuti per assaporare un aligot direttamente dall’Aubrac e hanno lavorato per ore. Queste specialità sono scomparse dal paesaggio di Nancy.

Tuttavia, non c’è nulla a cui rassegnarsi. Ogni edizione porta la sua quota di novità. Sulla terrazza 4, il Comptoir des Trois Meats ha subito sedotto i visitatori. A la carte, agnello, maiale e manzo. Come piatto stellare, lo stinco da 1 kg è impressionante. “Si cuoce allo spiedo e rimane saporito. Ne passiamo 300 al giorno”, spiega Adam. Per l’agnello, stesso trattamento con cottura lenta, da due a tre ore. “Rimane morbido e molto tenero. Ne prepariamo due al giorno. Le persone apprezzano. Per quanto riguarda la carne bovina, si presenta in tagli nobili. “Contattiamo direttamente gli allevatori. Questo assicura tracciabilità, qualità e, soprattutto, limita i costi e ci permette di mantenere i prezzi», conclude il ristoratore.

farti desiderare

Nella sala B, al centro del suo ristorante dove domina l’azzurro del mare, Aldo è soddisfatto. “Da 30 anni facciamo la fiera di Besançon che si sovrappone a quella di Nancy. Ma non quest’anno! »

La Marée è quindi sbarcata per offrire le sue cozze dello stagno di Thau servite con patatine fritte, la sua carpa fritta o salmone servito come tartare e carpaccio. Per quanto riguarda il dresscode del personale affaccendato dietro al bar del Capitano e tra i tavoli, anche lì il tono è deciso. Il marinaio regna sovrano.

READ  Bastia: incontri sugli scambi economici tra Corsica e Italia

“Devi far desiderare alle persone, essere sempre puliti con il loro strumento di lavoro, mostrare quello che fanno. La gente lo vuole. E se me lo avessero permesso, avrei anche messo la sabbia per terra! sorride il capitano Aldo.

Fiat 500 tuttofare

Fuori, nelle terrazze 6-7, By Charlie Concept sfida e poi seduce. Come ? Semplicemente con il suo scooter e la sua Fiat 500. “Siamo progettisti di food truck e soluzioni alimentari mobili. Lì, abbiamo deciso di presentarli e abbiamo chiamato un ristoratore che li utilizza “, dice Charlie.

Hamburger italiano con prosciutto di Parma, lasagne vegane e alla bolognese, pizze e altre focacce hanno preso il sopravvento.

“Tutto è realizzato in uno dei tre veicoli. La Fiat 500 è del 1962. L’intera cella dell’abitacolo è stata trasformata in una cella frigorifera. La parte posteriore scivola fuori e puoi cucinare spiedini. In cima c’è una plancha. Tutto è stato cambiato. »

Idem per la Piaggio del 1985 che ospita il bar o il triciclo del 1960 su cui siede un incredibile forno per la pizza che funziona a pellet. Il viaggio in Italia è totale.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *